Lavoro

Ex Om, Magrone: «Restituire stabilimento a Modugno»

Il sindaco della cittadina barese a margine dell'incontro organizzato in Regione

Attualità
Bari lunedì 25 dicembre 2017
di La Redazione
Emiliano, Decaro e il ministro De Vincenti presentano il prototipo di Tua: era il settembre 2017
Emiliano, Decaro e il ministro De Vincenti presentano il prototipo di Tua: era il settembre 2017 © n.c.

«Con il fallimento della Tua il contratto con il quale le abbiamo ceduto il compendio industriale è stato ampiamente disatteso in quanto non c'è la ripresa del lavoro dei 190 operai dell'ex Om. Adesso lo stabilimento deve essere restituito al Comune di Modugno in virtù di una clausola di retrocessione che abbiamo fatto inserire nel contratto a garanzia dei lavoratori».

Lo ha dichiarato il sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a margine dell'incontro sul caso ex Om Carrelli convocato il 22 dicembre nella sede dell'assessorato regionale Formazione e Lavoro.

«La cessione gratuita da parte del Comune alla Tua era infatti - aggiunge Magrone - condizionata alla ripresa della produzione industriale e al ritorno in fabbrica entro questo mese di dicembre di tutti i lavoratori. Queste condizioni, insieme ad altre, non si sono affatto verificate e non potranno più verificarsi in considerazione del fallimento della Tua.

Adesso aspettiamo, dunque, la restituzione dello stabilimento al Comune di Modugno. Verificheremo attentamente che la restituzione sia completa anche in termini di macchinari e impiantistica contenuti nel capannone. Dopodiché il Comune, ferma restando la disponibilità a collaborare con la Regione Puglia ad ogni nuova ipotesi di realizzazione di un progetto industriale, si impegnerà in prima linea nella ricerca di investitori che volessero rilevare il sito per realizzarvi una vera riconversione produttiva. Il tutto sempre nell'esclusivo interesse dei lavoratori».

Lascia il tuo commento
commenti