Serie D

Il Marsala va di traverso al Bari. Finisce 1-1

Secondo pari consecutivo per gli uomini di Cornacchini. Biancorossi in vantaggio con un autogol di Benivegna, ma sono raggiunti nella ripresa

Calcio
Bari domenica 21 ottobre 2018
di Nicola Palmiotto
Il Bari in campo
Il Bari in campo © Ssc Bari

Il Marsala va di traverso al Bari. I biancorossi in Sicilia non riescono ad andare oltre l’1-1, ottenendo così il secondo pareggio consecutivo, che permette comunque ai Galletti di mantenere la testa della classifica. I gol nascono entrambi da calcio d’angolo: gli uomini di Cornacchini vanno vantaggio grazie ad un autogol di Benivegna nel finale di primo tempo, ma sono raggiunti nella ripresa da un colpo di testa di Prezzabile (primo gol su azione subìto dal Bari in campionato).

I biancorossi hanno sofferto la fisicità dei padroni di casa che hanno dimostrato di essere, almeno tra le mura amiche, una squadra rognosa (2 vittorie e un pareggio), supplendo alla differenza tecnica con tutto il repertorio tipico della serie D: grinta e cattiveria. Ma questa è la realtà della categoria e bisogna abituarsi in fretta.

Succede tutto da calcio d’angolo
Cornacchini sceglie Feola per l’acciaccato Bolzoni. Floriano ritorna tra i titolari nel tridente con Simeri e Neglia. All’ultimo minuto Nannini sostituisce D’Ignazio, costretto al forfait dopo il riscaldamento. In panchina accanto a Brienza c’è il secondo portiere Maurantonio al posto dell’indisponibile Siaulys. Le prime occasioni della partita sono tutte di marca biancorossa. Al 6’ Piovanello calcia fuori, al 16’ ci prova Floriano, ma spara alto e al 21’ il colpo di testa di Cacioli su punizione di Hamlili sorvola la traversa. Il Marsala però si riorganizza, alza la pressione e il centrocampo del Bari fa fatica a ritrovare il bandolo della matassa. Al 33’ Nannini se ne va in slalom sulla sinistra, ma sul più bello è chiuso in angolo. Il Marsala in contropiede (38’) spreca l’occasione per passare in vantaggio con un diagonale di Tripoli respinto da Marfella e il Bari lo punisce poco dopo al 44’ grazie allo sfortunato autogol di Benivegna su un calcio d’angolo di Piovanello.

I padroni di casa rientrano in campo determinati ad agguantare il pareggio che arriva al 13’ con un colpo di testa di Prezzabile su azione da corner. Il numero 18 dei siciliani sfugge alla marcatura di Nannini e batte Marfella. Poco prima Cornacchini, che evidentemente aveva intuito il momento di difficoltà dei suoi, aveva richiamato in panchina Floriano per inserire Bolzoni. Il tecnico biancorosso al 21’ manda in campo Pozzebon per un deludente Neglia. Il Bari prende in mano le operazioni ma soffre la fisicità dei siciliani e non trova la giocata giusta per impensierire Giappone. Anzi è il Marsala a sfiorare il vantaggio al 25’ con una conclusione di Candiano che finisce di poco fuori. A 10’ dalla fine entra in campo anche Brienza ma nemmeno il fantasista lombardo riesce a incidere sul risultato. In classifica il Bari sale a quota 14 punti, una sola lunghezza di vantaggio sul Locri che guarda caso sarà il prossimo avversario dei biancorossi tra sette giorni al San Nicola.

Cornacchini: «Partita difficile con un avversario che non ha mollato niente. Crisi? Parlarne mi sembra esagerato»
«Le partite sono tutte così e c’è da soffrire sempre - ha spiegato a fine partita mister Cornacchini -. Non è una categoria facile, con un terreno di gioco del genere si rischiava di sbagliare, perché il campo non consentiva il gioco rasoterra e questo ci ha costretti a giocare spesso palle alte. È stata una gara diversa dalle altre e noi non siamo stati bravi a tenere il risultato. I gol su calcio piazzato si prendono e si fanno, però ci vuole un pizzico di attenzione in più perché lui è saltato da solo. Oggi non è stata una questione di gamba è stata una partita difficile contro una squadra che non ha mollato niente. È vero che gli attaccanti non segnano da tre giornate, ma è un aspetto risolvibile su cui dobbiamo migliorare per aiutarli a realizzare più gol. Non sono preoccupato per questo. So esattamente quali sono stati i problemi oggi e ne parlerò con i ragazzi martedì. Sapevamo di essere partiti tardi: il campionato è lungo e non sarà semplice; avremo alti e bassi e dobbiamo trovare la condizione giusta per poter essere pronti nei momenti più duri. Però parlare di crisi oggi mi sembra esagerato».

Il tabellino
Marsala-Bari

Marsala (4-3-3): Giappone; Benivegna, Giardina, Maraucci, Galfano; Prezzabile 835’st. Ciancimino), Sekkoum, Candiano; Tripoli, Balistreri (42’st. Manfrè), Corsino (28’st. Barraco). In panchina: Jaber, Fragapane, Parisi, Giuffrida, Lo Nigro, Mazzara. Allenatore: Chianetta.
Bari (4-3-3): Marfella; Aloisi, Cacioli, Di Cesare, Nannini; Hamlili (34’st. Brienza), Feola, Piovanello (34’st Langella); Floriano (11’st. Bolzoni), Simeri, Neglia (21’st. Pozzebon). In panchina: Maurantonio, Mattera, Turi, Bollino, Liguori. Allenatore: Cornacchini.

Arbitro: Bracaccini di Macerata. Assistenti Cravotta, Mari.
Reti: 44’pt. aut. Benivegna, 13’st. Prezzabile.
Note: Ammoniti Hamlili, Prezzabile, Candiano. Recupero 2’+5’.

Lascia il tuo commento
commenti