Conferenza stampa dell'attaccante biancorosso

La generosità di Paponi: "Il Bari conta più dei miei gol"

La punta arrivata dal Padova vuole a tutti i costi la promozione in B con la maglia dei galletti

Calcio
Bari martedì 12 ottobre 2021
di La Redazione
Daniele Paponi dopo il gol col Bari a Messina
Daniele Paponi dopo il gol col Bari a Messina © Ssc Bari

Daniele Paponi, ospite della sala stampa del San Nicola per il consueto appuntamento del martedì con i giornalisti, dispensa pragmatismo e voglia di stupire. In dote porta un gol segnato a Messina: "Spero di segnare ancora - dice - ma l'importante non sono i miei gol ma che il Bari vinca le partite. Per arrivare a raggiungere l'obiettivo importante e comune. La C? La conosco bene avendoci giocato diversi anni a Castellamare di Stabia, Piacenza e Padova. E' il mio quinto anno consecutivo in Lega Pro. E' un campionato difficile dove non basta la forza della squadra, ma servono il valore e la coesione del gruppo. Sono venuto a Bari per giocarmela con serenità al cospetto di giocatori forti. Il mio obiettivo è vincere. Se si vince grazie a me o di altri, conta poco".

Bari, cooperativa del gol: "E' importante perché non carica pesi ad un singolo giocatore o reparto. La vittoria che fa scaturire tutto il resto, non le reti dei singoli". "Quando sei giovane - dice ripensando ad alcuni trascorsi della sua carriera - tante cose non le comprendi, come la vita fuori dal campo e la professionalità. Ho lasciato un po' andare quello che sembrava tutto facile, ma non lo era. Adesso mi aspetto di vincere il campionato e andare in B. Quando ci sono giocatori importanti che vanno in panchina e si allenano sempre al cento per cento da forza alla squadra e aumenta la concentrazione di tutti. E' importante per il gruppo e deve esserci fino alla fine. Sto bene e mi sento pronto per giocare dall'inizio".
"Polito ha scelto me - sottolinea ricordando le battute finali di calciomercato - e io non ci ho pensato due volte. Ho voluto cambiare aria anche perché a Padova la stagione non era andata bene perché non avevo la possibilità di dare continuità al lavoro per via di alcuni infortuni. Sarebbe una bella cosa ripetere la stagione con la Juve Stabia, per il campionato vinto ed una bellissima stagione. C'era anche Polito. Un'esperienza che porterò sempre con me". 
Un passo indietro alla gara vinta domenica scorsa contro la Turris: "Chi affronta il Bari lo fa con una concentrazione tale che non ti lasciano niente. Tutti i primi tempi saranno difficile. Poi avranno anche loro un calo mentale, e noi, con dei cambi e qualità che fanno la differenza possiamo cambiare la partita quando vogliamo, anche negli ultimi 10 minuti".
Cosa può dare Paponi al Bari: "L'esperienza e il fatto di divertirmi, di avere entusiasmo per vincere un campionato. Ci saranno momenti in cui qualcuno starà meglio di altri. Ma siamo talmente tanti e bravi che chiunque può farti vincere la partita. L'importante è stare sempre tutti sul pezzo. Per vincere dobbiamo essere pronti tutti".
Di fronte le sfide contro Campobasso, Foggia, Francavilla e Catanzaro. Quattro tappe per dare altri segnali a se stessi e al campionato: "Il futuro - conclude Paponi - è solo Campobasso. Poi penseremo al resto. Sarà difficile contro una squadra galvanizzata da due risultati positivi con due avversari importanti.

Lascia il tuo commento
commenti