La nota

M5S: «A Bari percorso totalmente autonomo da quello dei vecchi partiti»

Lo affermano Elisabetta Pani, Antonello Delle Fontane e Alessandra Simone, consiglieri neoeletti del M5S

Politica
Bari venerdì 23 agosto 2019
di La Redazione
Elisabetta Pani
Elisabetta Pani © web

E’ opportuno fare ancora una volta le dovute precisazioni circa la assoluta indipendenza politica a livello locale del M5S che, coerentemente con i principi che ne hanno determinato la nascita, continuerà a non incasellarsi in vecchi stereotipi come “destra” e “sinistra” e a svolgere un percorso totalmente autonomo da quello dei vecchi partiti, siano essi di maggioranza o di opposizione.

“Come in campagna elettorale non abbiamo stipulato alcun tipo di accordo con il centro destra né esplicito né occulto, nonostante fossimo sotto l’ala del Governo giallo-verde, anche in un immediato futuro, se mai dovesse realizzarsi un governo con forze di centro sinistra, il M5S barese continuerebbe il proprio percorso autonomo di opposizione.” Lo affermano Elisabetta Pani, Antonello Delle Fontane e Alessandra Simone, consiglieri neoeletti del M5S.

“Siamo pronti ad essere collaborativi su proposte di buon senso e realmente finalizzate a migliorare la qualità della vita dei baresi, da qualsiasi parte politica dovessero essere generate; d’altra parte cercheremo di portare avanti in tutti i modi a noi consentiti il programma elettorale sulla base del quale abbiamo ottenuto il consenso libero e incondizionato di più di 15000 cittadini, nella speranza che la nuova consiliatura si distingua, a differenza della precedente, per un cambio di rotta rispetto al ruolo del consiglio comunale e di tutte le sue componenti, ruolo da riportare al centro del dibattito democratico.” – continuano i pentastellati.

Dopo aver letto inesattezze e interpretazioni sommarie delle norme è da precisare che i ruoli del Presidente e del Vice Presidente da Statuto e da TUEL non sono ruoli politici bensì di garanzia.

-In particolare ricordiamo che il Vice Presidente non “spetta alle opposizioni da Statuto” come scritto da qualcuno bensì è “scelto tra i consiglieri di opposizione se il Presidente è espressione della maggioranza e viceversa” (art.7 Statuto Comune di Bari)- precisano i consiglieri. Quindi, al di là delle prassi e consuetudini consolidate, nel rispetto dello Statuto le due figure non sono determinate a monte come spettanti alla maggioranza (Presidenza) o alle opposizioni (Vicepresidenza) proprio perché non dovrebbero essere legate a logiche partitiche (preferenze, poltrone ecc) bensì essere condivise in modo trasparente con tutto il Consiglio Comunale.

"Tuttavia, dato che è già chiaro che i giochi per la Presidenza stanno avvenendo seguendo prassi lontane dai principi da noi auspicati, cercheremo di fare un percorso condiviso con le altre opposizioni almeno per la vice presidenza, proponendo un nostro nome ma rimanendo aperti ad un dialogo che si baserà sulla qualità delle eventuali altre figure proposte allo scopo di individuare un vicepresidentesuper partes e in grado di assumere atteggiamenti neutrali alla pari del Presidente."

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 25 agosto 2019 alle 12:03 :

    In effetti l'opposizione rappresentata dai consiglieri del M5S al Comune di Bari finora si è dimostrata poco efficace e sonnacchiosa. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 24 agosto 2019 alle 11:51 :

    Veramente finora i baresi non si erano neppure accorti che nella loro città, tranne qualche iniziativa elettorale per le elezioni comunali di maggio, esistessero i 5stelle. Rispondi a Franco