La nota

"Baricittàperta": «Il tribunale non si sposta dal quartiere Libertà»

Anche la lista di sinistra interviene sulla questione dei palazzi di giustizia a Bari

Politica
Bari sabato 20 aprile 2019
di La Redazione
Tribunale di Bari
Tribunale di Bari © Tranilive.it

Anche la lista di sinistra "Baricittàperta" interviene sulla questione dei palazzi di giustizia a Bari al quartiere Libertà.

«Una vicenda - dichiarano Nicola Micunco, candidato presidente al I° Municipioe e Sabino De Razza candidato sindaco - su cui si dibatte da molti anni, con l’unico risultato, ad oggi, che l’esercizio della giustizia è nei fatti negato ai lavoratori, ai cittadini e costringe gli operatori della giustizia, i giudici e i dipendenti, passando per i legali, ad uno stress continuo per le difficoltà nello svolgimento delle attività.

Appare chiaro che sulla possibilità o meno di spostare i palazzi di giustizia ci sono appetiti molto forti.

Per quanto ci riguarda, un punto deve essere molto chiaro e lo ribadiamo in questi giorni: i palazzi di giustizia devono rimanere nel quartiere Libertà.

Le "numerose" proposte di spostamento dei palazzi di giustizia da quartiere libertà, vedono la nostra contrarietà, al contrario da tempo abbiamo fatto proposte come quella dell'arcipelago o del riuso di alcuni immobili presenti sul territorio.

Se il tema della riqualificazione delle periferie non è solo uno slogan, si deve agire di conseguenza. Il tribunale non si sposta dal quartiere.

Su questi temi, la lista Baricittàperta fa appello alle associazioni e ai comitati per porre un punto fermo e definitivo sulla vicenda, anche nel corso di questa campagna elettorale».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 21 aprile 2019 alle 15:43 :

    Tenere un Tribunale in un posto disagiato, privo di parcheggi e servizi solo per fare propaganda elettorale. Rispondi a Franco

    Antonio Casaburi ha scritto il 23 aprile 2019 alle 06:06 :

    Sono d'accordo con Franco, i Tribunali civili, penali e del G.di P. andrebbero accorpati nel tondo zona stadio S. Nicola, perché gli avvocati potrebbero svolgere meglio le loro attività; approfittare di una migliore viabilità autostrade-provinciali ecc. inoltre integrare la zona con servizi tipo asili nido (per dipendenti e non) ipermercati parcheggi senza intasare la città ecc. bisogna proporre soluzioni x la città non per appartenenza, ma x la collettività Rispondi a Antonio Casaburi