Il fatto

Il Csm 'ammonisce' Emiliano per le cariche nel Partito Democratico

La sezione disciplinare del CSM ha condannato Emiliano alla sanzione dell'ammonimento (la più lieve) per aver violato la norma che vieta ai magistrati di essere iscritti e far politica attiva all'interno dei partiti

Politica
Bari giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Michele Emiliano
Michele Emiliano © n.c.

La sezione disciplinare del CSM ha condannato il governatore della Puglia Michele Emiliano alla sanzione dell'ammonimento (la più lieve) per aver violato la norma che vieta ai magistrati di essere iscritti e far politica attiva all'interno dei partiti. Emiliano ha ricoperto ruoli dirigenziali nel Pd pugliese e si era anche candidato alla segreteria nazionale del partito in alternativa a Matteo Renzi.

Accetto la meno grave delle sanzioni disciplinari previste per i magistrati - ha dichiarato il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - con serenità e con rinnovata determinazione nello svolgimento del mio incarico di Presidente della Regione Puglia. La sanzione è la più tenue e non ha alcun effetto pratico sull’esercizio delle mie funzioni, ma ciononostante ritengo di non averla meritata. Essere il primo ed unico magistrato italiano al quale si è contestata nel pieno dello svolgimento di un mandato politico ad elezione diretta l’appartenenza ad un partito politico, mi fa sentire un caso da laboratorio ancora da approfondire. La complessità teorica della vicenda ha costretto il CSM a rimettere la questione alla Corte Costituzionale dopo undici anni dalla mia iscrizione al partito. Sono sempre stato convinto, come tutti gli altri numerosi magistrati eletti, come me iscritti a un partito, che l’aspettativa - che mi è sempre stata regolarmente concessa per l’espletamento del mio mandato di sindaco e di presidente della Regione - mi rendesse a questi fini un cittadino eletto come tutti gli altri, abilitato a partecipare alla formazione dell’indirizzo politico degli enti da me governati all’interno dei partiti. Scopro oggi che ciò che vale per altri sindaci e Presidenti, secondo il CSM, non vale per me e, quindi, per tutti i Magistrati eletti in incarichi politici. Questi dovranno costruire l’indirizzo politico con metodo innovativo rispetto alle previsioni della Costituzione, seguendo l’indirizzo della Corte Costituzionale che ha rimesso al CSM il compito di precisare fino a che punto si possa avere a che fare con i partiti da parte di un eletto magistrato. In modo dichiarato, la Procura Generale ha promosso l’azione disciplinare per conoscere l’indirizzo del CSM in materia che mai era stato chiarito in precedenza. Valuteró la motivazione della sentenza ai fini della impugnazione nei successivi gradi, nella speranza che questa vicenda sia occasione per il legislatore di intervenire per evitare gli equivoci sin qui verificatisi”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 14 febbraio 2019 alle 16:17 :

    Ma che i magistrati non potessero iscriversi (o tanto meno dirigere) partiti politici era cosa nota da tempo. Non se ne era accorto nessuno? Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 15 febbraio 2019 alle 10:49 :

    Finché sarà il Csm a decidere sui magistrati in questo campo della politica finirà sempre tutto a tarallucci e vino. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 14 febbraio 2019 alle 17:16 :

    Il principio che i magistrati non dovrebbero far politica è chiaro anche costituzionalmente, ma di fatto non è applicato. Anche questa semplice "amminizione" va nel solco. Rispondi a Franco