L'intervento

Melini: «Non si può restare indifferenti al problema sicurezza nel cimitero. Servono telecamere»

La consigliera comunale di Bari, candidata sindaca alle Amministrative 2019, interviene sul caso dello scippo all'interno del cimitero barese

Politica
Bari martedì 12 febbraio 2019
di La Redazione
L'ingresso del cimitero
L'ingresso del cimitero © n.c.

Sul caso dello scippo perpetrato ai danni di un anziano nel cimiitero comunale di bari, interviene con una nota la consigliera comunale Irma Melini.

«La nipote - scrive la candidata alla carica di sindaca - denuncia sulla pagina facebook del sindaco l’ennesimo grave episodio di furto, che ha visto coinvolto il nonno, scippato mentre pregava sulla tomba della moglie, e questa Amministrazione tace e la ignora. Ho denunciato tante volte in questi anni, durante i question time, la necessità di mettere in sicurezza le necropoli, soprattutto quella centrale, ma confermo purtroppo che i luoghi di culto non sono una priorità per l’amministrazione Decaro.

Per questo stamane, dopo aver verificato con il direttore del cimitero la sicurezza degli ingressi, ho scritto al sindaco Decaro, al direttore stesso, al comandante di Polizia Locale, e al direttore della Ripartizione Infrastrutture, viabilità e opere pubbliche, chiedendo di installare con urgenza nuove telecamere di videosorveglianza in corrispondenza di tutti i varchi di accesso nonché di ripristinare il funzionamento di quelle già esistenti, lasciate in stato di abbandono da anni e mai utilizzate.

Ho chiesto, inoltre, che vengano acquisite le immagini dell’unico varco oggi controllato nel cimitero, nel tentativo di individuare chi ha scippato il signore anziano lo scorso 16 gennaio, per evitare che resti impunito. Trasmetterò io stessa all’Amministrazione la denuncia fatta dall’anziano barese, visto che ancora oggi nessuno ha assunto un’iniziativa in merito. Rispetto a questo episodio è poi assurdo constatare come, nei confronti di una persona emotivamente sconvolta, che non riesce più neanche ad andare sulla tomba della moglie per il trauma subito, questa Amministrazione non abbia ritenuto necessario preoccuparsi dell’accaduto mostrando la propria solidarietà, visto che il tutto accadeva sotto la responsabilità di noi amministratori. Persino il direttore del cimitero, Nicola Milella, ha chiesto ieri un incontro al direttore generale in merito alla sicurezza della necropoli. Spero che la sua richiesta, insieme alla mia, non cadano nel vuoto ma vengano prese in seria considerazione e con urgenza.

All’anziano scippato vanno le mie scuse, se pur tardive, in qualità di rappresentante di un Comune troppo indifferente rispetto a quel luogo che dovrebbe essere di pace».

Lo afferma in una nota Irma Melini, consigliere comunale di Bari, candidata sindaco alle Amministrative 2019.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 12 febbraio 2019 alle 14:51 :

    Il cimitero di Bari pare davvero finito nelle mani della malavita, nel silenzio di chi dovrebbe controllare. Tombe fuori dimensione autorizzate non si sa da chi, coreografie intorno agli alberi in corrispondenza di tombe di "personaggi", sedie in plastica legate agli alberi con catenelle, furti di fiori etc Luogo di pace nel senso che alcuni individui fanno quello che gli pare senza che nessuno li disturbi. Rispondi a Franco