Bari verso il voto

Primarie centrodestra, Melchiorre incassa l'appoggio di Direzione Italia

Francesco Ventola, Ignazio Zullo, Antonio Distaso, Pasquale Finocchio e Vincenzo De Martino hanno ufficializzato la volontà di sostenere alla primarie il candidato sindaco di Fratelli d'Italia. Lista unica il 26 maggio

Politica
Bari sabato 02 febbraio 2019
di La Redazione
Filippo Melchiorre
Filippo Melchiorre © n.c.

Le Primarie di Bari, in programma per il prossimo 24 febbraio, sono il "vero primo banco di prova del Patto Federativo fra Direzione Italia e Fratelli d'Italia".

E' quello che scrive il movimento di Fitto in una nota.

«Un Patto nato, qualche mese fa, già in Europa fra Raffaele Fitto e Giorgia Meloni, con la volontà di unire gli sforzi per "rifondare" questa Unione Europea iniziando proprio dalle prossime elezioni europee, il prossimo 26 maggio. Il capoluogo della Puglia diventa, quindi, il primo laboratorio nazionale di questo Patto.

Questa mattina i coordinatori e gli eletti di Direzione Italia Bari - Francesco Ventola, Ignazio Zullo, Antonio Distaso, Pasquale Finocchio e Vincenzo De Martino - hanno ufficializzato la volontà di sostenere alla Primarie il candidato sindaco di Fratelli d'Italia, Filippo Melchiorre, e di presentarsi con un'unica lista alle Amministrative del 26 maggio.

"Con Melchiorre e l'on. Marcello Gemmato - è stato ribadito dagli esponenti di DIT - ci accomuna un percorso politico fatto di lealtà, coraggio e coerenza. Sempre nel centrodestra, rifiutando inciuci e rispendendo al mittente tutte le offerte di poltrone alle quali, invece, tanti sono stati sensibili. Per questo abbiamo tutte le carte in tavola per rivolgerci alla Bari perbene ed è a quella che chiediamo di avere uno scatto di orgoglio verso la Città, tornando ad amarla e votando per chi, come il centrodestra, ha a cuore gli interessi dei cittadini, non i propri".

Soddisfazione è stata espressa dal coordinatore regionale Ventola per essere riusciti, non solo a Bari, ma anche a Foggia, come centrodestra a non dividersi e a cogliere le Primarie come un momento di riavvio di una fase politica che deve mirare a ritornare al governo delle città chiamate al voto la prossima primavera. “Chiaramente l'auspicio – ha detto - è che anche il centrodestra di Lecce colga la potenzialità dei gazebo come metodo per rinvigorire ed entusiasmare il proprio elettorato”.

Il capogruppo regionale, Zullo, e il coordinatore provinciale, Distaso, si sono invece soffermati sull'importanza della competizione barese: "Stiamo facendo Primarie vere. I tre competitor sono tre consiglieri comunali diversi per storia e capacità. Abbiamo voluto che davvero i baresi potessero avere la possibilità concreta di scegliere chi deve rappresentarli nelle Secondarie del 26 maggio. Ma questa diversità non vuol dire divisione. Il centrodestra sarà granitico e vincente contro Decaro! Molto più credibile e forte se a rappresentarlo vi sarà un politico come Melchiorre, persona seria, coerente e capace"».

È un matrimonio fra persone d'onore – ha concluso Melchiorre - quello siglato oggi con dirigenti, amministratori e amici di Direzione Italia. Ognuno di loro ha una bellissima storia politica da raccontare fatta di gavetta, militanza, coerenza e impegno per Bari. E' questa la nostra forza, il nostro valore aggiunto che il 24 febbraio ci porterà a vincere le primarie ed il 26 maggio al governo della città”».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 18:23 :

    I 5Stelle quando vogliono minacciare la Lega le prospettano un suo ritorno, funesto per consenso elettorale, da Berlusconi. E invece a Bari la Lega si lega con Forza Italia come se niente fosse accaduto in Italia. E si apparenta pure con Fratelli d'Italia con cui litiga in Parlamento. Non possono confidare troppo nel crollo elettorale del Pd. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 02 febbraio 2019 alle 16:46 :

    Ma la politica per questi qua è ancora fare la somma algebrica degli appoggi elettorali (presunti) dati da sigle che ormai pochi conoscono? Quando ci diranno come intendono cambiare? Rispondi a Franco