Al via la decina edizione del Bif&st

Decaro consegna le chiavi della città a Ennio Morricone: «Grazie maestro»

Il discorso del primo cittadino pronunciato dal palco del Teatro Petruzzelli

Cultura
Bari sabato 27 aprile 2019
di La Redazione
Decaro e Morricone
Decaro e Morricone © n.c.

Il sindaco di Bari Antonio Decaro questa mattina, nell'ambito degli eventi legati alla decima edizione del Bif&st, ha consegnato al Premio Oscar Ennio Morricone le chiavi della Città.

Ecco il discorso pronunciato dal palco del Teatro Petruzzelli dal primo cittadino:

"Per me è un grandissimo onore consegnare a Ennio Morricone le chiavi della Città di Bari.

Un omaggio piccolo se paragonato alla grandezza della sua arte e ai premi ben più importanti di cui è stato insignito nel corso della sua incredibile carriera, ma un omaggio che viene dal cuore.

Queste chiavi, maestro, le aprono simbolicamente le porte della nostra città, che con la musica ha sempre avuto un legame speciale. Bari non solo ha dato i natali al grande Niccolò Piccinni e al meno conosciuto Nicola De Giosa, del quale il 3 maggio prossimo celebriamo il bicentenario della nascita, ma ha avuto un rapporto privilegiato anche con il Maestro Nino Rota, che ha diretto il nostro conservatorio dal 1950.

A questo legame si deve l’emozione che provo qui, oggi, nel riconoscerLacomponente onorario della nostra comunità, con l’auspicio che a Bari possa sentirsi a casa ogni volta che ci torna.

Mi permetta, Maestro, di spendere qualche parola per la nostra città, che in questi anni è cresciuta affermando le sue potenzialità e la sua voglia di essere testimone di un nuovo Sud: questo festival, d’altronde, ne è la dimostrazione.

Il Bif&st per Bari non è solo una straordinaria opportunità di incontrare e conoscere grandi personalità del cinema, come quella che abbiamo oggi di essere su questo palco insieme a Lei. Questo festival rappresenta per noi un momento di conoscenza e di crescita che coinvolge migliaia di cittadini di ogni età, tanto che tutti i grandi ospiti che si sono succeduti su questo palco in questi anni hanno speso parole importanti proprio nei confronti del pubblico, che dalle prima ore del mattino si accalca fuori dai cinema e dal teatro per partecipare agli appuntamenti del festival per tutta la settimana.

Ed è per questo che, da sindaco, ringrazio il Bif&st per avermi dato l’onore di conoscerla e porgerle il benvenuto nella nostra città. E desidero condividere questo momento con i miei concittadini, con il pubblico, con tutte le persone che hanno amato e sognato sulle note della sua musica.

In queste ore, poco distante da qui, nella via dello shopping più importante della città, in onore di questa giornata, la filodiffusione sta trasmettendo alcuni dei suoi capolavori, affinché sia tutta la città idealmente a stringersi intorno a Lei ringraziandola per aver accettato questo omaggio.

Benvenuto a Bari, Maestro, che il tempo speso nella nostra città le lasci sempre un buon ricordo e possa renderla orgoglioso di esserne cittadino".

Il sindaco Decaro, oltre alle chiavi della Città, ha consegnato al Maestro Morricone anche un'ampolla con la Manna di San Nicola ed una pergamena.

Ecco il testo:

A Ennio Morricone

straordinario musicista, ineguagliabile compositore e ambasciatore del talento italiano nel mondo.

Di fronte alla bellezza che ha saputo donarci

alle emozioni che le sue composizioni hanno suscitato nei cuori di milioni di persone

consegnargli le chiavi della città di Bari è un omaggio semplice ma sentito

l’auspicio che possa sentirsi a casa nella nostra città ogni volta che ci torna

Questo riconoscimento coincide con la 10° edizionedelBif&st, che sin dal suo esordio ha un premio intitolato proprio al Maestro Morricone, e che quest’anno gli dedica un’immensa retrospettiva e una mostra fotografica, a testimonianza della stima e dell’affetto di un’interacittà.

La storia del cinema non sarebbe stata la stessa senza il genio di Ennio Morricone, che da oggi ci onoriamo di annoverare ufficialmente tra gli amici della nostra città.

Grazie Maestro.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 28 aprile 2019 alle 05:41 :

    Sin dalla sua nascita il BiFest è stato il simbolo di una sinistra che pretende di fare cultura (con i soldi pubblici, tanti) e di monopolizzarla per farne uno strumento "popolare" della sua propaganda ideologica. Distribuendo premi, contributi e incentivi (mance) solo ai suoi amici. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 28 aprile 2019 alle 13:55 :

    Mai si è vista a un Festival cinematografico una presenza così invasiva di politici Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 27 aprile 2019 alle 22:08 :

    Mi pare che il BiFest barese più che a far fare passerella agli artisti stia servendo a far fare passerella ai politici che presentano gli artisti e con questa scusa promuovono se stessi in vista delle prossime elezioni. Rispondi a Franco

    Franco ha scritto il 28 aprile 2019 alle 11:17 :

    Anche durante lo spettacolo di Lina Sastri al Petruzzelli per il BiFest il pubblico ha dovuto sopportare una presenza un po' troppo debordante dei politici locali ovvero Decaro ed Emiliano che stanno usando il Festival come loro vetrina politica personale. È vero che in fondo sono loro gli ufficiali pagatori ma conviene non esagerare nel presenzialismo. Si rischia di irritare il pubblico. Rispondi a Franco