L'iniziativa

Lo street artist Pao a Bari: le strade della città si colorano con i murales dei Lego

L’iniziativa rientra in un progetto di valorizzazione urbana che tocca le città di Milano, Roma, Napoli e Bari

Cultura
Bari martedì 19 febbraio 2019
di La Redazione
Un'opera di Pao a Roma
Un'opera di Pao a Roma © n.c.

Nelle giornate di oggi e domani, la nostra città ospiterà lo street artist Pao (Paolo Bordino) impegnato a produrre una serie di murales con protagonisti i personaggi più amati della Lego.

L’iniziativa rientra in un progetto di valorizzazione urbana che tocca le città di Milano, Roma, Napoli e Bari.

A Roma, ad esempio, grazie alla collaborazione di Fòndaco e degli studenti della scuola di pittura dell’Accademia di Belle Arti e l’associazione Ragnarock, la centralissima via della Frezza è diventata teatro di una performance live di arte e cultura: le minifigure Lego dipinte dagli studenti hanno invaso la strada del centro città e i suoi negozi.

A Bari, invece, Pao disegnerà sui muri legali del chiosco del giardino di piazza Garibaldi e all’ingresso del parchetto degli Aquiloni, in via Devitofrancesco.

Come concordato con l’amministrazione comunale e l’associazione Ragnarock, promotori dell’iniziativa, i murales esprimeranno messaggi di partecipazione e unità.

Sono un fan delle costruzioni Lego fin da bambino - commenta Pao - passione che ora si è tramandata ai miei figli. La possibilità di creare murales nella città di Bari mi ha subito entusiasmato perché i personaggi che realizzo sono entrati nell’immaginario collettivo e da sempre le costruzioni Lego sono sinonimo di creatività”.

Grazie al nostro regolamento sulle Arti di strada - dichiara Silvio Maselli - cerchiamo di attrarre artisti sia in campo creativo e decorativo sia in tutte le altre discipline artistiche. Negli anni abbiamo già avuto modo di godere della bellezza prodotta dai talenti che si sono cimentati a trasformare i muri della nostra città, come accaduto con Ozmo nel sottopassaggio Quintino Sella o con Maupal sui muri della palazzina Aqp di piazza Diaz. Siamo impazienti di vedere i risultati di questo nuovo intervento”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 19 febbraio 2019 alle 19:51 :

    Pao va bene, anche se nessuno ci dice quanto costa. Il problema vero a Bari sono gli imbrattano che credono di essere artisti e di poter graffiare dove gli pare. E contro i quali il Comune non ha mai fatto inspiegabilmente nulla (telecamere, multe etc.). Rispondi a Franco