San Nicola: il Sole sorge anche a Roma

Ottima accoglienza per il lungometraggio di Vito Giuss Potenza

Cultura
Bari lunedì 25 settembre 2006
di La Redazione
© Vito Giuss

E' piaciuto al pubblico della capitale il racconto, sul grande schermo, del sacro furto delle reliquie di San Nicola da Myra, in Turchia, a Bari, avvenuto nel 1087. Nella sala "Alberto Sordi" del cinema Trevi, lo spazio del Centro sperimentale di cinematografia, presso Fontana di Trevi, alla conclusione della prima romana dell'opera, è partito un caloroso applauso al comparire del viso di Andrea Giordana, in un cameo nei panni del Santo Taumaturgo, che pronuncia le parole "Io sono il ponte tra Oriente e Occidente".

Congratulazioni al regista Vito Giuss Potenza sono state espresse dal professor Ludovico Gatto, docente di Storia medioevale all'Università "La Sapienza" di Roma, e dal maestro Tonino Valerii, regista e sceneggiatore, soprattutto di western all'italiana (ha scritto i dialoghi di "Per un pugno di dollari" di Sergio Leone e ha diretto, fra gli altri, "Il mio nome è Nessuno", con Henry Fonda e Terence Hill).

Il professor Gatto ha sottolineato la "massima adesione dell'opera alla verità storica, così come tramandataci dalle fonti", cioè Arcidiacono Giovanni e Niceforo, e ha espresso lodi per la "poesia della narrazione" e "la cura delle ambientazioni, in angoli della Puglia carichi di storia e arte". Il maestro Valerii si è complimentato per la "nitidezza delle immagini e della fotografia" e per "il sapore epico e avventuroso della vicenda".

In sala, fra gli altri, c'erano anche Elio Savonarola, giornalista Rai, già direttore della sede regionale di Bari, con la moglie, Annamaria Messa, anche lei giornalista. Entrambi hanno manifestato un giudizio molto positivo sul lavoro, sottolineando che "presenta la città di Bari, nella sua veste medioevale, come una comunità operosa e aperta ai contatti con popoli stranieri, e soprattutto pulsante di fede e di devozione a un Santo la cui venerazione tuttora accomuna le genti di tutto il mondo".

Nella sala "Alberto Sordi" è intervenuta una folta rappresentanza del cast tecnico e artistico. Oltre al regista Vito Giuss Potenza, gli sceneggiatori Antonio Garofalo e Luca Vessio (quest'ultimo anche attore, hanno scritto il film con Giuss Potenza), il direttore della fotografia e aiuto regista Miki D'Aquino, lo scenografo e direttore degli effetti speciali Rocco Turso, il coautore delle musiche Antonio Tuzza (altre parte della colonna sonora è stata scritta da Gianni Ciardo, per una volta non nelle vesti di comico, e Gianni Giannotti). Fra gli attori, c'erano Vito Signorile (che recita nei panni dell'Abate Elia), Maurizio Nicolosi (Papa Urbano II), Aldo Sergio Ottomanelli (padre Grimoaldo), Antonella Perrone (Anna), Kevin Dellino, Barbara Purgatorio e Bruna De Palma.

Agli ospiti e ai giornalisti sono state donate litografie del viso di San Nicola, realizzate dal maestro Donato Armenise.

Del cast tecnico, per completezza, fanno parte anche la costumista Francesca Mesto, il montatore Massimo Modugno e il sound designer Domenico Di Finizio.

Oltre al cameo di Andrea Giordana, ci sono quelli di Massimo Dapporto (un nobile), Valentina Persia (una nobildonna), Paolo Sassanelli (un faccendiere) e Giuseppe Cionfoli (uno dei marinai della spedizione). Nel cast artistico, inoltre, figurano numerosi attori baresi.

Dopo la prima al cinema Trevi, le proiezioni romane di "Nicola, lì dove sorge il sole" proseguendo con grandi consensi, anche da parte di esponenti del mondo eclesiastico, nella sala del Centro Russia Ecumenica, in strada Borgo Pio, a ridosso della Basilica di San Pietro, diretta dal giornalista e critico cinematografico, don Sergio Mercanzin, e in altre sale della capitale.

Cinecittà Entertaiment ha già manifestato un grosso interesse per il film, tanto da decidere di inserire le location e i monumenti che hanno fatto da set all'opera in un documentario sul cinema, le tradizioni e la gastronomia pugliesi che andrà in onda nel prossimo autunno sul canale tematico "Alice" di "Sky".

Lascia il tuo commento
commenti