Il provvedimento

San Nicola e Immacolata: divieto di transito su piazza San Nicola e strade adiacenti alla basilica

Al fine di evitare gli assembramenti, la Polizia locale ha disposto alcune limitazioni al traffico

Cronaca
Bari venerdì 04 dicembre 2020
di La Redazione
Divieto di transito
Divieto di transito © n.c.

In occasione del programma di celebrazioni liturgiche previste dalla Basilica di San Nicola fino all’8 dicembre, che prevede funzioni religiose con la presenza dei fedeli ed altre a porte chiuse, al fine di evitare l’assembramento dei fedeli sulla piazza San Nicola ed altre strade adiacenti o l’avvicinamento alla Basilica, la Polizia locale ha disposto le seguenti limitazioni al traffico:

1.I giorni 4 - 5 -7 - 8 dicembre 2020, dalle ore 8.00 alle ore 22.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale sulle seguenti piazze: piazza San Nicola, largo Urbano II e corte del Catapano

2.Il giorno 6 dicembre 2020, dalle ore 4.00 alle ore 24.00 e, comunque, fino al termine delle esigenze, è istituito il divieto di transito veicolare e pedonale sulle seguenti piazze: piazza San Nicola, largo Urbano II e corte del Catapano.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 05 dicembre 2020 alle 17:01 :

    La tradizionale Messa di san Nicola alle 5 del mattino sarà a porte chiuse ma l'autore del divieto, il Sindaco Decaro, sarà presente comunque in chiesa. C'è una logica in tutto ciò? Rispondi a Maria P.

  • Marco ha scritto il 05 dicembre 2020 alle 16:01 :

    In pratica vogliono dirci che i fedeli sono una massa di irresponsabili che senza i divieti imposti da pochi illuminati si ammasserebbero senza regole davanti alla Basilica, incuranti della loro e dell'altrui salute. Una bella considerazione non c'è che dire. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 04 dicembre 2020 alle 21:58 :

    Vogliono impedire ai fedeli persino di passare davanti al Santo, per la sua festa. Non era mai accaduto nellabstoria, per questo non ce ne dimenticheremo molto facilmente. Rispondi a Franco