Il fatto

Decessi per legionella, sequestrati due padiglioni del Policlinico

Sigilli dei Nas ai padiglioni Chini e Asclepios (concessa la facoltà d'uso): l'inchiesta relativa al decesso di quattro pazienti, tra il 2018 e il 2020. Indagati cinque dirigenti, tra cui il dg Giovanni Migliore

Cronaca
Bari martedì 24 novembre 2020
di La Redazione
Policlinico
Policlinico © n.c.

I carabinieri del Nas hanno sequestrato, con facoltà d'uso, due interi padiglioni del Policlinico di Bari - Chini e Asclepios - perché "infetti da batteri di legionelle".

Il decreto di sequestro preventivo è stato disposto nell'ambito di una indagine sui decessi di quattro pazienti, avvenuti tra il 2018 e il 2020, morti dopo aver contratto il batterio.

Nell'inchiesta sarebbero indagati cinque dirigenti del Policlinico, per i reati di omissione di atti d'ufficio e morte come conseguenza di altro delitto, tra i quali il direttore generale Giovanni Migliore.

I dirigenti del Policlinico di Bari, dopo il primo decesso causato da una infezione da legionellosi il 10 giugno 2018, non avrebbero adottato "alcuna misura di controllo e bonifica per l'eliminazione del batterio, la cui presenza era stata accertata", già all'epoca, "nell'acqua prelevata dai rubinetti del reparto di Medicina interna Frugoni", nel padiglione Chini dove il paziente era stato ricoverato dal 5 al 15 maggio 2018.

E' quanto emerge dall'indagine che ha portato oggi al sequestro con facoltà d'uso dei padiglioni Chini e Asclepios.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti