Il fatto

Folle inseguimento a 120 km orari per le vie di Carbonara: arrestato 33enne

Dopo l'arrivo di ulteriori pattuglie i militari hanno catturato il 33enne che, nel frattempo, aveva raggiunto, a piedi, una fermata bus. Con sé aveva anche marijuana custodita nel cellophane

Cronaca
Bari sabato 21 novembre 2020
di La Redazione
Gazzella dei Carabinieri
Gazzella dei Carabinieri © n.c.

Intorno alle 9.00 di ieri, i militari del Nucleo Radiomobile di Bari hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale un 33enne, pregiudicato, il quale, a bordo della propria autovettura, non rispettando l’alt intimatogli dagli operanti, si era dato a una folle fuga per le vie del centro abitato.

L’uomo, mentre percorreva la S.P. 183, nei pressi di Carbonara, alla vista della “gazzella” dei Carabinieri, ha svoltato repentinamente, manovra questa che non è sfuggita ai militari, i quali hanno subito affiancato l’autovettura e, mediante sistemi luminosi e paletta in dotazione, hanno indicato al conducente di fermarsi. In risposta, il 33enne ha accelerato, dandosi a precipitosa fuga a folle velocità, anche sopra i 120 km orari, attraversando gli incroci con il rosso, non curante del pericolo per l’incolumità pubblica, anche in relazione alle condizioni di traffico presenti a quell’ora del mattino.

A questo punto, coordinati dalla Centrale Operativa del Comando Provinciale dei Carabinieri, giungevano sul posto altre due autoradio e una coppia di motociclisti che chiudevano tutte le vie di fuga. Lasciato quindi il mezzo, l’uomo provava la fuga a piedi, portandosi nei pressi della fermata degli autobus, dove veniva raggiunto e bloccato dai militari con non poca fatica.

Dopo la convalida dell’arresto, il 33enne, trovato anche in possesso di una bustina in cellophane contenente sostanza stupefacente del tipo marijuana, è stato sottoposto all’obbligo di firma presso le forze di polizia.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 21 novembre 2020 alle 09:31 :

    Lo fa perché sa che alla fine non possono fargli più di tanto. Rispondi a Franco