Quindici persone deferite all'autorità giudiziaria

Petardi contro agenti: scattano denunce e daspo per i disordini al corteo dei pescatori

La Digos ha identificato i presunti responsabili degli assalti avvenuti lo scorso 8 ottobre nel corso della manifestazione delle marinerie pugliesi

Cronaca
Bari mercoledì 06 novembre 2019
di La Redazione
Polizia di Stato generico
Polizia di Stato generico © n.c.

Nei giorni scorsi la Polizia di Stato ha deferito all’Autorità Giudiziaria 15 persone, di età compresa tra i 27 ed i 52 anni, residenti in diversi comuni della Puglia, che lo scorso 8 ottobre si sono rese responsabili di vari reati commessi in occasione della manifestazione organizzata dalle Marinerie Pugliesi.

In particolare, sono stati contestati a vario titolo i reati di manifestazione non autorizzata, lancio o utilizzo di materiale pericoloso nel corso di pubbliche manifestazioni, resistenza a pubblico ufficiale, rifiuto d’indicazioni sulla propria identità personale, interruzione di pubblico servizio e lesioni personali aggravate.

Le indagini sono state condotte dai poliziotti della DIGOS della Questura di Bari che hanno analizzato attentamente anche le immagini registrate dagli agenti del Gabinetto Interregionale di Polizia Scientifica e dalle telecamere dei circuiti di videosorveglianza cittadini.

Lo scorso 8 ottobre, infatti, le Marinerie Pugliesi erano scese in piazza, organizzando un corteo, per protestare contro le nuove direttive dell'Unione Europea: utilizzo di reti per lo strascico a maglie più larghe, che limiterebbero l'esercizio della pesca, e caro carburante i motivi della protesta.

I circa 500 partecipanti, dopo essersi radunati nei pressi del molo San Nicola, partirono in corteo e, già nelle fasi iniziali, accesero alcuni fumogeni e fecero esplodere qualche ordigno esplosivo; percorso il Lungomare Imperatore Augusto e giunti in prossimità del Piazzale Cristoforo Colombo, luogo dove il corteo si sarebbe dovuto fermare per sostarvi fino al termine della protesta, i manifestanti, nel tentativo di entrare all’interno dell’area portuale, decisero arbitrariamente di proseguire la propria marcia, dapprima in direzione del varco doganale di accesso al porto e, successivamente, verso il cancello d’ingresso del Provveditorato alle Opere Pubbliche.

Entrambi i tentativi di accesso furono neutralizzati dall’immediato intervento delle Forze di Polizia;

I manifestanti, tuttavia, reagirono opponendo resistenza all’operato degli agenti schierati, accendendo fumogeni e lanciando grossi petardi. A seguito di ciò, sei persone rimasero ferite: il Dirigente del servizio di ordine pubblico (spinta da un manifestante, cadde a terra), un funzionario ed un ispettore della DIGOS (a seguito dello scoppio di un grosso petardo in relazione al quale sono tuttora in corso le attività di indagine per risalire all’autore del lancio), un poliziotto del Reparto Mobile di Bari e due Carabinieri in forza al Reggimento Puglia. Ripresa la marcia, il corteo giunse dapprima all’incrocio con Via Brigata Regina e, successivamente, presso il Varco della Vittoria, paralizzando completamente il traffico veicolare in entrata e in uscita dal porto, con inevitabili ripercussioni sulla circolazione cittadina.

L’attività dei poliziotti della Questura di Bari, inoltre, non si è limitata solo alla valutazione degli aspetti penali; in applicazione delle recenti disposizioni del “Decreto Sicurezza Bis”, infatti, la Divisione Anticrimine ha avviato il procedimento amministrativo, finalizzato all’adozione dei DASPO della durata di tre anni, nei confronti di quattro manifestanti che, durante la manifestazione, accesero e lanciarono petardi e fumogeni, creando pregiudizio per l’incolumità delle persone presenti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 07 novembre 2019 alle 08:40 :

    Nei filmati dei fatti pubblicati dal sito di Repubblica si vedono, all'ingresso della Capitaneria, i petardi esplodere tra i piedi di poliziotti in tenuta e pescatori- manifestanti. Non mi è chiaro perché gli unici a riportare danni ai piedi o all'orecchio siano stati i tutori dell'ordine. Rispondi a Maria P.

  • Marco ha scritto il 06 novembre 2019 alle 17:15 :

    Non sapevo esistesse anche un Daspo-litico. Rispondi a Marco