Il fatto

Incendio ex Ancora a Palese, Palone: «Attendiamo esiti su agibilità»

Sopralluogo presso la struttura per verificare lo stato dei luoghi dopo l’incendio dei giorni scorsi

Cronaca
Bari lunedì 10 giugno 2019
di La Redazione
L'ex ristorante Ancora a Palese
L'ex ristorante Ancora a Palese © n. c.

Questa mattina l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone, accompagnata dal neoletto presidente del Municipio V Vincenzo Brandi, ha effettuato un sopralluogo presso la struttura ex Ancora per verificare lo stato dei luoghi dopo l’incendio dei giorni scorsi.

“Questa mattina ho voluto verificare di persona le condizioni della struttura sul litorale di Palese – spiega Carla Palone –. Per questo, nel rispetto delle indagini in corso, insieme al presidente Brandi abbiamo voluto recarci sul posto in attesa dell’esito delle perizie che si stanno conducendo, al cui esito sapremo se l’edificio è ancora agibile. Con grande amarezza abbiamo constatato le condizioni in cui l’incendio ha ridotto un luogo che per i palesini è stato per decenni un punto di riferimento e che l’amministrazione comunale intendeva portare a nuova vita. Come è noto, infatti, era scaduta qualche settimana fa la procedura che offriva a soggetti privati la possibilità di proporre un progetto di riqualificazione e gestione del sito con la finalità di renderlo una risorsa economica a vantaggio del territorio. Ora attenderemo gli sviluppi delle procedure e valuteremo il da farsi, convinti di procedere comunque con le politiche di riqualificazione di tutte le strutture sul litorale, perché Bari merita di tornare a vivere pienamente il suo mare”.

“Nessun ignobile atto vandalico o doloso potrà mai impedire a questa amministrazione municipale di perseguire, di concerto con l’amministrazione comunale, l’obiettivo di riqualificare i beni del patrimonio cittadino e demaniale restituendoli alla comunità – prosegue Vincenzo Brandi -. La nostra costa è meravigliosa e merita tutto il nostro impegno. Spero che il responsabile venga assicurato presto alla giustizia e che questo sia di monito per chiunque creda di poter decidere per i cittadini onesti”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 11 giugno 2019 alle 16:09 :

    Purtroppo a Bari gli appetiti della malavita si indirizzano spesso sugli immobili pubblici, dalle case popolari ai chioschi delle spiagge e ora pure i ristoranti sul mare. Rispondi a Marco

  • Marco ha scritto il 11 giugno 2019 alle 12:33 :

    È tutta l 'operazione sugli immobili del lungomare che puzza di bruciato Rispondi a Marco

  • Marco ha scritto il 11 giugno 2019 alle 09:53 :

    Si ma chi paga? Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 10 giugno 2019 alle 22:09 :

    Non è affatto chiaro cosa succederà dopo l'incendio, se cioè il Comune intenda accollarsi le spese di riparazione del ristorante incendiato, che a questo punto sarebbero estremamente gravose e difficili poi da recuperare con il fitto. Rispondi a Franco