Il fatto

Incendio ristorante, Decaro: «Non ci fate paura»

Le parole del sindaco sull'incendio probabilmente di origini dolose che ha seriamente danneggiato la struttura sul lungomare di Palese che ha ospitato fino a qualche tempo fa il ristorante l'Ancora

Cronaca
Bari lunedì 10 giugno 2019
di La Redazione
Vigili del fuoco
Vigili del fuoco © n.c.

Un incendio probabilmente di origini dolose ha seriamente danneggiato a Bari la struttura sul lungomare di Palese che ha ospitato fino a qualche tempo fa il ristorante l'Ancora.

Le fiamme si sono sviluppate all'interno della struttura che era chiusa e che a breve sarebbe stata assegnata in concessione dal Comune.

Sul posto sono intervenute cinque squadre dei vigili del fuoco.

"Forse a qualcuno danno fastidio le procedure di affidamento fatte per bene, trasparenti. Beh, sappiate che non fate paura a nessuno". Così il sindaco di Bari, Antonio Decaro, commenta su Facebook il rogo che nella notte scorsa ha completamente distrutto gli interni dell'ex ristorante Ancora sul lungomare di Palese, quartiere a nord di Bari. "Per la seconda volta siete entrati nella struttura nonostante gli accessi murati - ricorda il sindaco rivolgendosi via social agli autori del gesto - Non vi siete limitati a qualche atto vandalico, gli avete dato fuoco. Guarda caso pochi giorni dopo la scadenza del bando per l'affidamento". Il 31 maggio scorso, infatti, è scaduto l'avviso per la concessione della struttura di proprietà comunale. "Abbiamo già le prime richieste - continua Decaro - e un pezzettino alla volta trasformeremo tutti gli immobili abbandonati sul mare in strutture ricettive e balneari, per rendere la nostra città sempre più attrattiva e turistica. E per voi - conclude - nel futuro della nostra città, non c'è posto. Sappiatelo".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 10 giugno 2019 alle 08:15 :

    Quindi Decaro avrebbe elementi certi per dire che l'incendio del ristorante L'Ancora è opera dolosa di delinquenti che vorrebbero impedire o mettere le proprie man sulla gestione di questi immobili abbandonati. La malavita cerca di mettere paura al Comune Rispondi a Franco