Operazione "Chiavi della città"

Procuratore Di Maio: "Incassi del parcheggio del San Nicola usati illecitamente per la Vigor Trani"

Il primo cittadino aveva instaurato rapporti con il gruppo Giancaspro, parte attiva nelle relazioni con gli uomini a lui vicini

Cronaca
Bari venerdì 17 maggio 2019
di La Redazione
Procuratore Di Maio, conferenza
Procuratore Di Maio, conferenza "Chiavi della città" © TraniLive.it

Il Procuratore della Repubblica di Trani, Antonino Di Maio, illustra la prassi adottata nell'ambito dell'operazione denominata "Chiavi della città": "Una parte degli incassi del San Nicola veniva materialmente estratta a favore della Vigor Trani, ovviamente in maniera illecita ed occulta". Si instaurava così il contatto economico tra le due società di calcio pugliesi, occultamente gestite dallo stesso imprenditore molfettese Giancaspro e dal suo gruppo, già sotto misure cautelari.

"Un bando ad immagine e somiglianza di un privato": è appunto quello realizzato dall'amministrazione comunale tranese per legare i rapporti con il gruppo Giancaspro. "Come primo approccio l'Amministrazione Comunale di Trani ha voluto garantire al gruppo Giancaspro una sua disponibilità concretizzandola proprio con un bando di gara che fosse appannaggio degli uomini di Giancaspro e quindi garantendo un presupposto per i futuri accordi" spiega il Procuratore di Trani.

Il ruolo del sindaco di Trani Amedeo Bottaro, inoltre, rientra come "Parte attiva nelle relazioni sia con Giancaspro che soprattutto con gli uomini a lui vicini come Amato ed Altieri" conclude Di Maio al termine della conferenza stampa odierna.

Lascia il tuo commento
commenti