Il fatto

La Xylella alle porte di Bari: trovata "sputacchina" a Triggiano

Il primo esemplare adulto di «Philaenus spumarius» (nota come Sputacchina, principale vettore di del batterio) è stato trovato dal prof. Francesco Porcelli del Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti

Cronaca
Bari mercoledì 17 aprile 2019
di La Redazione
Sputacchina
Sputacchina © n.c.

La Xylella arriva a Triggiano, alle porte di Bari

Il primo esemplare adulto di «Philaenus spumarius» (nota come Sputacchina, principale vettore di del batterio) è stato trovato, dal prof. Francesco Porcelli del DiSSPA, del Dipartimento di Scienze del suolo, della pianta e degli alimenti: si tratta di un esemplare femmina che è stato rilevato - informa una nota - in una delle catture scrutinate con AcquaSampling, il microcampionamento quantitativo per lavaggio di 400 cm quadri (20 x 20 cm) di erbe spontanee scelte senza pregiudizio.

Il metodo, già utilizzato da Porcelli per i campionamenti, permette un’elevata risoluzione e la valutazione di molti campi per giorno.

«Numerose altre ninfe della stessa specie sono in procinto di sfarfallare nelle prossime ore — afferma Porcelli — liberando adulti che potranno acquisire e infettare con Xylella fastidiosa pauca ST53 olivi per ora sani nei prossimi giorni. Il dato di quest’anno rafforza la conoscenza e l’esperienza già accumulata oltre alla bibliografia disponibile, suggerendo l’immediata esecuzione dell’azione di controllo contro gli stadi giovanili. Il ritrovamento è preoccupante anche perché siamo ben oltre la zona cuscinetto».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 21 aprile 2019 alle 15:47 :

    Questo dimostra che è del tutto inutile abbattere gli ulivi come vorrebbe l'Ue, visto che il vettore della Xylella ovvero la cicala sputacchina può viaggiare per conto suo con sistemi diversi. Rispondi a Franco