Il fatto

Scivolo per disabili realizzato "con i piedi", la protesta di "Sos Città"

Disagi per i portatori di handicap nel muoversi in alcune zone della città

Cronaca
Bari lunedì 18 febbraio 2019
di La Redazione
Disagi per i disabili in viale Kennedy
Disagi per i disabili in viale Kennedy © Sos Città

«Bari è piena di barriere, nonostante i tanti sforzi fatti per abbatterle. Tuttavia capita che alcuni di questi sforzi risultano essere vani, se non addirittura oltraggiosi nei confronti di chi vive una disabilità».

Lo dice in una nota l'associazione "Sos Città" che denuncia un caso di opera fatta male che creerebbe molti disagi ai portatori di handicap nel muoversi in città.

"In viale Kennedy, all'intersezione con viale Papa Pio XII - spiega Danilo Cancellaro, presidente dell'associazione - sono stati realizzati alcuni scivoli per disabili senza eliminare la regolare striscia bianca che delimita l'area adibita al parcheggio delle automobili con la conseguenza che, pur avendo realizzati gli scivoli, le barriere si sono raddoppiate dato che il parcheggio è sempre occupato da qualche automobile. A completamente un quadro comico le strisce pedonali che non sono state realizzate in asse né con gli scivoli né con lo spartitraffico centrale obbligando i cittadini ad un pericolosissimo zig-zag tra le auto. Ma stiamo scherzando?".

"La situazione è oggettivamente strana e ridicola perché se da un lato parcheggiare lì è moralmente errato, dall'altro alcuni automobilisti non si sentono nel torto data la presenza delle strisce che consentono il parcheggio. Sono molteplici le segnalazioni e le richieste di aiuto che abbiamo ricevuto a tal proposito" conclude Cancellaro

"È evidente che trattasi di un lavoro pubblico eseguito con i piedi. È assurdo che nessuno si sia reso conto, in corso d'opera, della contraddizione tra lo scivolo e l'area parcheggio. Non serve un genio per comprendere che ci va o uno o l'altro - denunciano Dino Tartarino e Lucia Rita Di Bari -. Ancora una volta ci chiediamo: come mai non c'è nessuno che controlla? Chi pagherà un simile errore? È giusto discriminare i cittadini disabili con un intervento che non ha niente di coerente con i concetti di accessibilità e fruibilità? Non possiamo quindi che chiedere al sindaco Antonio Decaro e all'ass. ai Lavori Pubblici, Galasso, di intervenire quanto prima per regolarizzare il tutto e rimettere ordine alla situazione" concludono.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 18 febbraio 2019 alle 11:44 :

    I reclamanti dovrebbero farsi un'altra domanda: è davvero possibile, con le finanze attuali e per quello che costa, costruire un nuovo scivolo per disabili per ogni marciapiede di Bari? Credo proprio di no, i costi sarebbero insostenibili e quindi credo si procederà come ora a macchia di leopardo, un po' dove capita. Forse bisognerà mettere un contatore per vedere quante volte uno scivolo viene davvero utilizzato da una carrozzina di disabile. Per capire se la spesa vale l'impresa. Rispondi a Franco