Il fatto

Traffico illecito di rifiuti speciali, operazione Dirty Mirror: sequestro beni per 2 milioni

Dopo anni di complesse indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, accertati reati ambientali a carico di 5 soggetti ed una società di Mola di Bari

Cronaca
Bari giovedì 14 febbraio 2019
di La Redazione
Operazione Dirty Mirror della Guardia costiera di Bari
Operazione Dirty Mirror della Guardia costiera di Bari © Guardia Costiera

Si è conclusa nella giornata odierna l’operazione denominata “DIRTY MIRROR”, nell'ambito della quale gli uomini della Guardia Costiera del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale della Direzione Marittima di Bari hanno dato esecuzione, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia (D.D.A.) della Procura della Repubblica di Bari, ad un Decreto di sequestro preventivo di beni per un valore equivalente pari a quasi 2 milioni di euro emesso dal GIP del Tribunale di Bari.

Le complesse attività investigative, coordinate dalla D.D.A., si sono protratte per quasi due anni, traendo origine dal controllo di un autotrasportatore di rifiuti per conto terzi, e proseguendo con una serie di controlli a carico di società operanti nel settore del traffico e smaltimento di rifiuti speciali che hanno consentito l’accertamento di reati ambientali.

Tra tutte le aziende interessate è emerso il comportamento illecito di una di società con sede a Mola di Bari, di cui sono stati attentamente esaminati oltre 1.200 Formulari di Identificazione dei Rifiuti (FIR) per un volume di quasi 34mila tonnellate di rifiuti gestiti e smaltiti.

Questo ha consentito di concentrare le indagini su 700 operazioni di trasporto e smaltimento di oltre 18mila tonnellate di rifiuti speciali, anche pericolosi, gestiti in modo illecito, in quanto trattati come non pericolosi e quindi non sottoposti ad analisi chimica ricorrendo a codici identificativi (CER) contraddistinti da “voce a specchio” (di qui il nome dato all’operazione), peraltro trasportati e conferiti senza aver conseguito la prescritta iscrizione all’Albo Nazionale dei Gestori Ambientali.

A seguito di approfonditi accertamenti patrimoniali eseguiti a carico della società incriminata e dei soggetti indagati, e per effetto della responsabilità amministrativa a carico delle società disciplinata dal Decreto legislativo 231/2001, si è quindi proceduto al sequestro, ai fini della successiva confisca, dei beni mobili intestati alla stessa, tra cui 5 autovetture di lusso ed oltre 20 mezzi pesanti e macchinari da cantiere, e delle disponibilità finanziarie sui tutti i rapporti bancari, per un valore complessivo pari a quasi 2 milioni di euro.

Il tutto è stato affidato ad un Amministratore Giudiziario appositamente individuato dal Tribunale di Bari.

Lascia il tuo commento
commenti