Il fatto

Estorsioni ai commercianti baresi e armi usate nella guerra tra clan, 14 fermi dei Carabinieri

I provvedimenti sono stati eseguiti questa mattina dai Carabinieri del Comando provinciale di Bari, su richiesta della Dda del capoluogo

Cronaca
Bari mercoledì 05 dicembre 2018
di La Redazione
Carabinieri Andria
Carabinieri Andria © n.c.

Quattordici provvedimenti di fermo, nei confronti di altrettante persone, sono stati eseguiti questa mattina dai Carabinieri del Comando provinciale di Bari, su richiesta della Dda del capoluogo.

A vario titolo, i 14 sono accusati di porto e detenzione di più armi da sparo nonché di alcuni episodi di estorsione ai danni di esercenti della città di Bari. Contestati anche il metodo mafioso e la finalità di agevolare associazioni mafiose operanti nel territorio.

Il provvedimento è scaturito in base a quanto documentato nel corso delle indagini, ovvero la disponibilità di armi da parte delle persone fermate e l'utilizzo di queste, negli ultimi mesi, nel corso di contrasti criminali fra i clan del capoluogo.

Gli inquirenti avrebbero accertato anche il "concreto pericolo di fuga" da parte dei destinatari del provvedimento, potendo contare su basi logistiche alternative, anche all'Estero.

Fuori Italia, inoltre, è stata eseguita la cattura di un esponente di spicco di un clan operante nel territorio.

Il provvedimento di fermo eseguito sarà sottoposto al vaglio del Gip di Bari.

Lascia il tuo commento
commenti