Il fatto

Fermato ubriaco al volante: i carabinieri scoprono che poco prima aveva picchiato la moglie

In carcere un 47enne pluripregiudicato, accusato di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate

Cronaca
Bari giovedì 25 novembre 2021
di La Redazione
Auto carabinieri
Auto carabinieri © n.c.

I Carabinieri della Compagnia di Modugno hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un 47enne pluripregiudicato, accusato di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale, lesioni personali aggravate, guida sotto l’influenza dell’alcool nonché rifiuto di sottoporsi all’accertamento per l’uso di stupefacenti. Il tutto è cominciato qualche notte fa, poco dopo le due, quando è giunta una telefonata sull’utenza 112 della Centrale Operativa di Bari. Un cittadino ha riferito di aver visto delle donne chiedere aiuto mentre si trovavano all’interno di una autovettura, di colore rosso, condotta da un uomo o che percorreva la SP67 in direzione Bitritto - Bitetto. Ricevuta la nota di ricerca, i militari hanno prima pattugliato la SP67 e poi il centro abitato di Bitetto dove è stata intercettata un’utilitaria di colore rosso che procedeva con un’andatura zigzagante. Sottoposta a controllo i carabinieri hanno trovato il solo conducente, identificato nel 47enne, che era in evidente stato di ebbrezza alcolica, motivo per il quale è stato sottoposto agli accertamenti mediante etilometro. Nella circostanza, in preda ai fumi dell’alcool l’uomo ha cominciato a minacciare gli operanti alzando il tono della voce. Portato subito alla calma e tranquillizzato si è sottoposto agli accertamenti di rito risultando positivo con un tasso alcolemico pari a 2,23 g/l.

Nel corso del controllo è poi sopraggiunto un uomo, il cognato del soggetto fermato che, avvicinatosi ai militari, ha segnalato loro di aver appena trovato la moglie del 47enne, davanti la porta della loro abitazione, in evidente stato confusionale, con il volto tumefatto e il vestito sporco di sangue, motivo per il quale stava accompagnando la donna, peraltro in compagnia della figlia della coppia, una undicenne, presso il Pronto Soccorso. Appresa la notizia e terminati gli accertamenti con l’etilometro i militari hanno effettuato una perquisizione all’interno dell’autovettura condotta da 47enne all’interno della quale rinvenivano, oltre a due grammi di marijuana, un fazzoletto imbevuto di sangue sotto al sedile lato passeggero e diverse tracce di sangue, ancora fresche, sul cruscotto, sul sedile e vicino al freno a mano. Era evidente, che l’autovettura condotta dal soggetto fosse stata poco prima teatro dell’aggressione patita dalla donna, davanti alla figlia, avendo così piena contezza che le richieste di aiuto segnalate al 112 erano proprio quelle della moglie del soggetto appena fermato.

A questo punto l’uomo, che nel frattempo era anche risultato positivo all’alcool test, facendo registrare un valore di alcool nel sangue ben oltre le soglie limite, è stato accompagnato in caserma mentre la patente di guida gli veniva ritirata e l’autovettura veniva sottoposta a sequestro. Contemporaneamente a tale attività un altro equipaggio dei carabinieri ha raggiunto il Pronto Soccorso dell’Ospedale San Paolo dove era stata accompagnata la vittima; apprendendo che la stessa avesse riportato, a seguito dell’aggressione, la frattura del setto nasale. Acquisito l’esito degli esami clinici i Carabinieri sono rientrati in caserma per contestare all’uomo anche la violenza contro la donna e, proprio in questo momento, lo stesso ha dato in escandescenza minacciando che avrebbe ucciso gli operanti se non lo avessero liberato subito, restituendogli la macchina e la marijuana. Il 47enne è stato tratto in arresto con l’accusa di minaccia e resistenza a Pubblico Ufficiale oltre che di lesioni personali aggravate in danno della moglie convivente.

L’uomo, inizialmente sottoposto agli arresti domiciliari su disposizione del PM di turno, a seguito del giudizio di convalida dell’arresto, a seguito di ordinanza del GIP è stato tradotto presso la casa circondariale di Trani ove resterà a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Quella che doveva essere per una famiglia una normale serata trascorsa in un locale, sulla via del ritorno, a causa di qualche bicchiere di troppo, si è rivelata un incubo per la donna e per la piccola che, si è poi appreso, avesse chiesto aiuto telefonicamente ai parenti mentre il padre picchiava la madre. I carabinieri sono in prima linea contro la violenza sulle donne e, l’arresto del 47enne non è altro che uno dei tanti episodi contrastati dai militari. Il filo rosso delle vittime è quello di essere salvate dalla tempestività dell’intervento e dalle indagini condotte dai carabinieri, coordinati dal pool istituito presso la Procura della Repubblica di Bari. Proprio oggi ricorre la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel 1999.

Lascia il tuo commento
commenti