Il fatto

"Sproporzione tra redditi dichiarati ed evidenze patrimoniali": sequestro di 1,1 milioni di euro

Provvedimento a carico penalista Giancarlo Chiariello, attualmente ai domiciliari nell'ambito di un'inchiesta della Procura di Lecce insieme all'ex Giudice del tribunale di Bari, Giuseppe De Benedictis

Cronaca
Bari lunedì 18 ottobre 2021
di La Redazione
Sequestro di 1,1 milioni di euro al penalista Chiariello
Sequestro di 1,1 milioni di euro al penalista Chiariello © n.c.

Un nuovo provvedimento di sequestro è stato eseguito dai carabinieri di Bari, su disposizione del Tribunale di Lecce, nei confronti del penalista Giancarlo Chiariello: i sigilli riguardano denaro contante per circa 1 milione 115 mila euro che era stato trovato e già sequestrato il 24 aprile scorso a casa dell'avvocato Alberto Chiariello, figlio del penalista, contestualmente all'arresto di quest'ultimo.

L'inchiesta della Dda di Lecce è quella su presunte corruzioni in atti giudiziari che coinvolge anche l'ex gip di Bari Giuseppe De Benedictis, accusato di aver intascato mazzette in cambio di scarcerazioni di pregiudicati difesi dall'avvocato Chiariello (la vicenda è attualmente in fase di udienza preliminare).

 Il giorno degli arresti, i carabinieri durante la perquisizione domiciliare trovarono il denaro nascosto in tre zaini.

Nell'interrogatorio di garanzia l'avvocato Chiariello, tuttora agli arresti domiciliari domiciliari, dichiarò che quel denaro rappresentava "i risparmi di una vita", da "destinare ai figli" e che "aveva deciso di non custodire presso la sua abitazione - riferiscono i militari - nel timore dei tanti furti in appartamento verificatisi nel quartiere dove dimora". La giustificazione non è stata ritenuta credibile e così è stato disposto un ulteriore vincolo a quella "spropositata e ingiustificata somma di denaro contante". Gli accertamenti patrimoniali hanno documentato "un'enorme sproporzione tra i redditi dichiarati negli ultimi dieci anni dell'intero nucleo familiare del noto avvocato barese e le evidenze patrimoniali, quantificata in oltre 950 mila euro". Il gip, condividendo la tesi dei magistrati inquirenti di Lecce e l'esito delle indagini dei carabinieri di Bari, ha ritenuto che "tale sproporzione, priva di giustificazioni, sia attribuibile ai gravissimi reati contestati al Chiariello ai danni dell'amministrazione della giustizia".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Maria P. ha scritto il 18 ottobre 2021 alle 12:30 :

    Tutti sanno che gli avvocati lavorano spess in nero specie nel penale e la motivazione è ovvia. Ma il fatto che i soldi siano a mazzette non vuol dire necessariamente che siano mazzette illegali. Gli investigatori dovrebbero dimostrarlo, non solo presumerlo senza prove. Rispondi a Maria P.