Il fatto

Aveva firmato in vita per il consenso: 53enne dona il fegato e salva paziente in attesa di trapianto

L'uomo, colpito da una emorragia cerebrale, è deceduto al Policlinico di Bari: il fegato è stato trasportato e trapiantato a Palermo. Gesualdo: “Al rinnovo della carta di identità, scegliete di donare”

Cronaca
Bari martedì 28 settembre 2021
di La Redazione
donazione organi
donazione organi © AndriaLive

Aveva espresso il consenso alla donazione degli organi quando era ancora in vita al rinnovo del documento di identità. Così un uomo di 53 anni, colpito da una emorragia cerebrale e ricoverato nella Rianimazione del Policlinico di Bari, ha salvato un paziente in attesa di trapianto. Una volta constatata la morte cerebrale, l’equipe medica ha potuto procedere al prelievo del fegato che è stato trasportato e trapiantato a Palermo.

“Alla famiglia del 53enne va il cordoglio e la vicinanza di tutto il Policlinico di Bari, ma anche un ringraziamento per la grande generosità manifestata con la scelta di donare gli organi” dichiara il direttore del Policlinico di Bari, Giovanni Migliore.

L’espressione di volontà in vita è una delle possibilità offerte dai Comuni per poter rilasciare il consenso alla donazione degli organi. “Il consenso espresso in vita, al momento del rilascio della carta di identità, consente di procedere alla donazione rispettando le volontà della persona senza mettere i familiari, già colpiti da un grande dolore come la perdita di un proprio caro, davanti alla difficoltà di una scelta” spiega il coordinatore del Centro regionale trapianti e direttore della Nefrologia del Policlinico di Bari, prof. Loreto Gesualdo.

A Bari dal 2013 a oggi, secondo le statistiche elaborate dal Centro Nazionale Trapianti sulle dichiarazioni di volontà, a firmare per il consenso alla donazione di organi sono stati in 36124 cittadini pari al 59,1% contro i 24.948, il 40,9%, che hanno espresso opposizione. La media dei consensi in provincia di Bari è del 63,9% mentre in Puglia si attesta al 61%; in tutta Italia la media è del 68%.

“È utile e prezioso ricordare a tutti i cittadini che dovranno rinnovare le carte di identità scadute che, oltre alla firma del documento, possono metterne una per scegliere di donare gli organi – dichiara Gesualdo – A loro rivolgiamo un appello alla vita: donare gli organi è un gesto d’amore potente e consente di salvare altre vite”.

Lascia il tuo commento
commenti