In attesa di sapere bene di cosa si tratti, qualche commento all'ennesimo annuncio del Ministro dell'Economia

Se Tremonti è Robin Hood io sono lo sceriffo di Nottingham

Al momento possiamo solo dire con certezza quello che non sarà

Attualità
Bari lunedì 16 giugno 2008
di Mariano Leone
© n.c.

Il 18 Giugno il governo varerà i provvedimenti legislativi per un intervento straordinario che dovrebbe penalizzare i petrolieri: la Robin Hood Tax.
Diciamocelo, non vorrei apparire come lo sceriffo di Nottingham, tutt’al più sarei Fra’ Tuck , ma un Tremonti che ruba ai ricchi per dare ai poveri non mi commuove.
Non si sono commossi neanche i ministri dell’Ecofin che, evidentemente, parteggiano per lo sceriffo di Nottingham, vista l’accoglienza alla proposta del nostro difensore dei poveri.

In realtà, a parte l’evocazione dei personaggi della foresta di Sherwood, non si sa molto sulla proposta legislativa. È stata definita bellissima dall’autore, ma questo è scontato, ed alla domanda se detto intervento possa indurre i petrolieri a ribaltare i costi sui consumatori, ha risposto come risponderebbe il nostro eroe: ci provino.

Ma non sappiamo esattamente cosa sia per cui in attesa di dettagli possiamo dire cosa non è.

Non è un intervento strutturale, per dirla non è una Tobin tax (un progetto di tassazione sulla intermediazioni internazionali teorizzato dal premio Nobel James Tobin).

Non è e non sarà uno sconto fiscale sui carburanti come quello introdotto dall’ex ministro Bersani.

Non sarà neppure la determinazione di un limite all’Iva sui carburanti come proposto da Sarkozy.

Neppure il progetto di Barack Obama di imporre una tassa su ogni barile di petrolio che superi la quotazione di 80 dollari.

Sarà una cosa straordinaria, una tantum come nella tradizione del nostro Robin Hood.

Diciamocelo, a parte la nobilissima intenzione, dobbiamo dire che la filiera che va dal grezzo al distributore di sotto casa nostra è piuttosto complessa.
Il momento speculativo può trovarsi in uno stadio qualsiasi della filiera. Dall’estrazione al trasporto, alla raffinazione, alla distribuzione, per semplificare il percorso che in realtà è molto più elaborato.
Sempre per semplificare, molte occasioni speculative si annidano non solo nelle speculazioni internazionali ma anche nella quantità di scorte che si sono accumulate nella varie fasi della filiera.
I gestori delle varie fasi della filiera possono ritenere di detenere nel tempo le loro scorte per usufruire della oscillazione dei prezzi.

Un intervento che non individua quale parte della filiera penalizzare rischia di essere inefficace.
Perché, pur con soggetti giuridici e fiscali diversi, la regia in regime di oligopolio può essere unica. Ma come Marian abbiamo molta fiducia nel nostro Robin e attendiamo fiduciosi.

Abbiamo detto della difficoltà di individuare la fase della filiera da penalizzare, tenendo conto che per il 2007 sia le attività di raffinazione sia quelle di distribuzione hanno avuto magri risultati.

Ma non tutte le filiere sono di difficile individuazione. La più esplicita per obblighi istituzionali è quella dell’ENI, Ente Nazionale Idrocarburi.

La nostra compagnia nazionale ha avuto nel 2007 utili per 6,6 Miliardi di Euro ed ha versato alle casse nazionali come dividendo 1,6 Miliardi di Euro.
Dobbiamo augurarci che tutto non si traduca in una partita di giro e lasci invariato il sistema oligopolista della filiera privata del carburante dove si annida la speculazione ed i costi per i cittadini.



Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • procivitate ha scritto il 20 giugno 2008 alle 00:14 :

    Quando si parla di preocessi a carico di Politici,la discussione si riconduce sempre all'On.le Silvio Berlusconi,e chissà perchè nessuno fa cenno ai fatti di Missione Arcobaleno,Cooperative Rosse,Unipol,ecc..... Finirete per farmi diventare simpatizzante del Politico che meno stimo,ovvero dell'On.le Silvio Berlusconi. Rispondi a procivitate

  • procivitate ha scritto il 20 giugno 2008 alle 00:10 :

    Se il Governo guidato dall'On.le Romano Prodi non avesse fatto male,dubito che la maggioranza degli Italiani non avrebbe sostenuto l'On.le Walter Veltroni.L'Unione Europea ha detto tante cose con riguardo ai nostri conti pubblici,non sempre premiando l'operato del Governo di centro sinistra. Rispondi a procivitate

  • Colt45 ha scritto il 18 giugno 2008 alle 09:27 :

    Credo che l'Unione Europea sia una fonte autorevole e, soprattutto, imparziale, per giudicare un determinato operato economico. Il Governo Prodi è l'unico, grazie a Visco e Padoa Schioppa, che sia riuscito a recuperare un po' di evasione fiscale e a raddrizzare un minimo i conti. Tremonti stesso ha dichiarato, quando si è insediato, che avrebbe proseguito la politica del suo predecessore. Rispondi a Colt45

  • miconsenta1 ha scritto il 17 giugno 2008 alle 19:19 :

    lo teorizzava goebbels: una cosa falsa ripetuta più volte diventa vera: robin hood tax una bufala...però il capolavoro sono le leggi razziali che diventano 'decreto sicurezza'! complimenti al popolo bue con le bandiere dell'italia sul balcone! Rispondi a miconsenta1

  • liberalamente ha scritto il 17 giugno 2008 alle 17:41 :

    Siamo al film già visto:eliminata l'ICI indiscriminatamente, vengono ridotti interventi sociali a favore dei più deboli;si vara il decreto sulla sicurezza e si piazza un emendamento che evita al Berlusconi la fine di un processo che un qualsiasi cittadino avrebbe subito anche in tempi più rapidi.Prodi è di respiro europeo, Berlusconi è di respiro leghista!Prepariamoci a difendere nuovamente la Costituzione. Rispondi a liberalamente

  • rasta_man ha scritto il 17 giugno 2008 alle 15:15 :

    Tremonti invece è Superciuk, quello che rubava ai poveri per dare ai ricchi. http://it.wikipedia.org/wiki/Superciuk Rispondi a rasta_man

  • procivitate ha scritto il 17 giugno 2008 alle 14:38 :

    Certo caro Dott.Leone un Tremonti che ruberebbe ai ricchi per dare ai poveri e chi defini buona parte dei giovanì Italiani con l'appellativo di Bamboccioni non può commuovere.Tuttavia,per dirla alla La Russa,diciamolo pure,a Lei caro Dott. Leone difficilmente anche il migliore provvedimento che fosse emanato da questo Governo andrebbe bene. Rispondi a procivitate

  • procivitate ha scritto il 17 giugno 2008 alle 14:24 :

    Caro rasta_man,l'Uninone Europea non ha risposto alla domanda che ho riproposto al Dr,Mariano Leone.Credo che il destinario del mio quesito sia persona assai autorevole,alla quale non sarà sfuggito il senso della richiesta.Tuttavia caro rasta_man, l'Unione Europea nei riguardi del nostro paese ed in riferimento a diversi temi ha detto tante cose,non sempre per esprimere apprezzamento nei riguardi dell'operato del Governo. Rispondi a procivitate

  • aziendabari ha scritto il 17 giugno 2008 alle 11:31 :

    Prodi era il solo ed inimitabile sceriffo di Nottingham. Rispondi a aziendabari

  • rasta_man ha scritto il 17 giugno 2008 alle 11:00 :

    procivitate, alla domanda pare abbia già risposto l'Unione Europea giudicando positiva l'opera di risanamento compiuta dal governo Prodi. Repetita juvant? Rispondi a rasta_man

  • procivitate ha scritto il 16 giugno 2008 alle 22:58 :

    So bene di esere ripetitivo,tuttavia Le ripropongo una vecchia domanda alla quale non ha mai risposto:cosa pensa della politica economica sostenuta dal Governo guidato dall'On.le Romano Prodi e dal Ministro Padoa Schioppa? Rispondi a procivitate

  • procivitate ha scritto il 16 giugno 2008 alle 22:56 :

    Certo caro Dott.Leone un Tremonti che ruberebbe ai ricchi per dare ai poveri e chi defini buona parte dei giovanì Italiani con l'appellativo di Bamboccioni non può commuovere.Tuttavia,per dirla alla La Russa,diciamolo pure,a Lei caro Dott. Leone difficilmente anche il migliore provvedimento che fosse emanato da questo Governo non andrebbe bene. Rispondi a procivitate