Spazio pubblico e nuova urbanistica: ecco Progetti Bari n.2

La rivista presentati alla Libreria Laterza da Paolo Paci

Attualità
Bari venerdì 09 novembre 2007
di Agostina Chielli
L'Architettura protagonista in Laterza
L'Architettura protagonista in Laterza © Agostina Chielli

Rappresentanti di spicco nel dell’architettura e del design Made in Bari, semplici curiosi e laureandi in architettura hanno popolato ieri sera la libreria Laterza per la presentazione della rivista “Progetti Bari n°2”, network editoriale col sostegno del gruppo Ime e coordinato da Marco Petroni.
Proposta ambiziosa, che crea un collante tra periferie e area urbana. “Un focus” l’ha chiamato Paolo Paci, direttore responsabile dell’opera “che documenta tutto ciò che succede nel percorso progettistico di un territorio”.

Coordinatore dell’incontro Nicola Signorile, giornalista e critico di architettura. Signorile ha evidenziato come sia architetture esotiche che asiatiche abbiano condizionato notevolmente il nostro paese incrementando l’attenzione su questo settore. Architettura e design diventano cultura di massa. “Pensare una nuova dimensione barese degli spazi urbani” ha commentato ”grazie anche alla diffusione di concorsi di progettazione come quello per l’allestimento museale a Santa Scolastica”. Intervento che ha stuzzicato la criticità di Francesco Moschini, docente di Storia dell’Architettura presso il Politecnico di Bari. “Tutti sostengono di avere consapevolezza nel campo, ma in realtà non tutti hanno gli strumenti. Bisogna essere più selettivi per i concorsi, l’ambito deve essere più circoscritto e le giurie devono essere formate da persone competenti”. Poi un commento sulla rivista: “L’opera è valida ma strutturalmente sulla linea di Non solo moda. Va comunque snellita”.

Maria Demarco che ha sostituito l’assenza Di Guendalina Salimbeni, vincitrice del progetto di riqualificazione di Via Sparano afferma come sia complesso unire l’opinione pubblica e la realizzazione dell’opera. Dopo Punta Perotti la cittadinanza barese è molto coinvolta nelle decisioni comunali.
Intervento finale ma comunque interessante quello di Simonetta Lorusso, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Bari. Nonostante il mancato invito all’incontro sottolinea l’importanza della sua presenza per la presentazione della rivista ha ringraziato i curatori per il tempo dedicato al nuovo volto di Bari.
E ha approfittato dell’occasione per pubblicizzare il nuovo progetto di riqualificazione del lungomare di San Girolamo.


Lascia il tuo commento
commenti