Notte di guerriglia al Cie del San Paolo: 18 arresti e sei evasi. Un extracomunitario in fin di vita

Cronaca
Bari venerdì 30 luglio 2010
di redazione
©

Una cinquantina di extracomunitari questa notte hanno tentato di fuggire dal Centro Identificazione ed Espulsione (il Cie) del "San Paolo". Un tentativo di fuga che ha subito richiamato l'attenzione delle Forze dell'Ordine e dei Militari del Battaglione "San Marco". Inevitabile lo scontro.

Secondo la prima ricostruzione dei fatti compiuta dalla Questura di Bari, i rivoltosi, dopo aver sfondato le porte d'ingresso di tre settori destinati a moduli alloggiativi, sono giunti all'esterno dell'area ricettiva impugnando spranghe di metallo divelte dalla recinzione esterna della struttura. Ne è nato uno scontro con alcune unità della Polizia di Stato, dell’Arma Carabinieri nonché Militari del BTG "San Marco''.

L'intervento degli uomini in servizio nella struttura, subito affiancato da altre unità di rinforzo di Polstato, Carabinieri e Guardia di Finanza fatte giungere tempestivamente, ha consentito di contenere il tentativo di fuga. Solo 6 ospiti magrebini sono riusciti ad allontanarsi scavalcando le cancellate poste a protezione della struttura.

Una trentina di extracomunitari, invece, hanno raggiunto il tetto della struttura, lanciando oggetti contundenti, pezzi di metallo e bottiglie piene di acqua, all'indirizzo delle Forze dell'Ordine.

Durante gli scontri undici militari del reggimento "San Marco' e due Carabinieri, hanno riportavato lesioni, con prognosi variabili tra 3 e 15 giorni. Inoltre, sono rimasti feriti, durante il tentativo di fuga e nello scavalcamento della recinzione alta circa 5 metri, 6 cittadini extracomunitari ospiti della struttura, uno dei quali con trauma cranico con riserva di prognosi ed altri 5 soggetti con lesioni variabili tra i 5 e 35 giorni.

A conclusione degli scontri 18 cittadini extracomunitari, trattenuti presso il C.I.E., sono stati arrestati con l'accusa di devastazione, saccheggio seguito da incendio, resistenza, violenza e lesioni a pubblici ufficiali.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • sniper1956 ha scritto il 31 luglio 2010 alle 09:39 :

    perchè questi militari non vengono prima addestrati e poi indirizzati a questi compiti particolari?..... se 50 extracomunitari combinano questo, male armati e non addestrati alla guerriglia, chissà cosa potrebbe capitare in uno scontro con militari addestrati!!!!!! Rispondi a sniper1956

  • sniper1956 ha scritto il 31 luglio 2010 alle 09:28 :

    perchè questi militari non vengono prima addestrati e poi indirizzati a questi compiti particolari? Rispondi a sniper1956