Assente per malattia ieri a Roma, presente il giorno dopo a Bari

Grassi (PD), guarigione da record

Tra gli assenti al voto sullo scudo fiscale, anche il deputato di Terlizzi. Ma oggi è stato visto a Bari

Politica
Bari sabato 03 ottobre 2009
di Gianvito Rutigliano
© n.c.
Nota localistica sulla polemica che sta interessando negli ultimi giorni il Partito Democratico, colpevolmente assente al risicato voto che ha determinato il passaggio alla Camera del cosiddetto scudo fiscale (270 i voti favorevoli, 250 i contrari) e il rigetto della pregiudiziale di costituzionalità. Tra i ventidue deputati del PD assenti ieri al voto (sei per l’UDC, uno per l’IDV), ben undici sono stati giustificati per motivi di salute. Tra gli altri, anche l’onorevole Gero Grassi, vice responsabile nazionale PD. Sulla sua pagina Facebook, infatti, mentre continua ad impazzare la protesta di cittadini e militanti irritati dai tanti banchi vuoti, il parlamentare di Terlizzi ci ha tenuto a rispondere con forza a quanti lo accostavano agli altri assenteisti, dicendo di essere stato bloccato da una febbre («Lei è uno scriteriato che parla senza attaccare il cervello. Io ero e sono ammalato....» ha risposto a un utente oggi alle 15 circa; prima ancora «Bravo...non come hanno fatto alcuni...che hanno emesso sentenze senza sapere e ai quali ho ironicamente detto che la prossima volta che mi ammalo li avviso preventivamente....»). Ma la rete, si sa, aumenta a dismisura la velocità delle informazioni e la controffensiva degli utenti si è presentata subito. Alla convenzione provinciale, secondo passo verso il congresso nazionale del PD dopo le assise locali, tenuta questa mattina all’hotel Majesty di Bari è stato avvistato proprio lo stesso Grassi, solo 24 ore prima impossibilitato – a suo dire – a votare contro lo scudo fiscale.
Probabilmente lo scudo fiscale sarebbe stato approvato anche con tutta l’opposizione al completo, per i soliti giochi di salvataggio da parte di altri deputati PDL che sarebbero intervenuti in aula a salvare il Governo per l’ennesima volta. Ma questa storia rimane davvero incredibile. Come per i dipendenti pubblici, forse le visite mediche farebbero bene anche ai nostri rappresentanti istituzionali in tema di produttività.
Ora si attendono le reazioni degli altri rappresentanti PD e del diretto interessato. Le scuse agli iscritti, oggi impegnati in un estenuante congresso/primarie sarebbero d’obbligo.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • fcr83 ha scritto il 07 ottobre 2009 alle 11:26 :

    la voce che deve levarsi da tutti è: via chi non è degno di sedere nel Parlamento (lo so che si svuoterebbe quasi del tutto). ma per favore torniamo a farci sentire Rispondi a fcr83

  • sniper1956 ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 21:22 :

    alla faccia della questione morale.... Rispondi a sniper1956

  • grutigliano ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 15:49 :

    all'utente TIRESI (7) che mi contesta, di fatto, un "killeraggio mediatico", per dirla con un'espressione in voga, forse è incolpevolmente sfuggito il mio nuovo articolo proprio sull'on. mastromauro. è in homepage, invito a leggerlo. e forse a ritirare quest'accusa così campata per aria. :) buon week-end Rispondi a grutigliano

  • daniel56 ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 12:39 :

    Diciamo che questo è un effetto collaterale della legge elettorale. Se la elezione è ormai una "nomination", ai più non si chiede conto del proprio mandato bensì della fedeltà al Grande Fratello di turno. E questo ha contagiato ormai parte della opposizione anche negli enti locali in cui le giunte sono composte con questo criterio,ignorando la volontà popolare che fa comodo per auto certificarsi a leader. Mala tempora.. Rispondi a daniel56

  • TIRESIA ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 12:14 :

    Ancora una volta il sig. Rutigliano si dimostra poco professionale, puntualizzando esclusivamente sull'on. Grassi e non citando Ginefra, Mastromauro ed altri. Il tutto perchè siamo in fase congressuale e fa comodo al giornalista (o a chi per lui) mettere in discredito determinate persone piuttosto che altre, perchè sostenitori di alcuni politici piuttosto che di altri. Rutigliano, la politica la faccia con i giusti mezzi enelle giuste sedi. P.s Non conosco Grassi. Rispondi a TIRESIA

  • nativo ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 11:07 :

    xhè l'opposizione invece di inseguire il gossip non promuove un referendum per definire gli stipendi degli onorevoli e senatori in virtù della presenza in aula?? invece si continua a fare il giuoco di berlusconi. inaffidabili quaquaraquà!!!! Rispondi a nativo

  • sanspapier ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 10:47 :

    L'opposizione non è opposizione e non fa opposizione. Non ha la grinta, non ha sufficiente ed appassionata convinzione per fare un 'opposizione seria e severa. Soprattutto non ha l'etica politica. Se non c'è questa architrave, il crollo è facile. Non sarà facile cambiare in toto questa classe politica di bassissimo livello culturale e politico. Non so se i nostri nipoti vedranno qualcosa di migliore per il loro futuro. Rispondi a sanspapier

  • anto82 ha scritto il 04 ottobre 2009 alle 09:31 :

    Evitiamo il tiro al bersaglio.Non si è assentato solo Grassi, ma anche i vari Ginefra, Mastromauro, Gaglione, etc. Il problema è diffuso, generalizzato e va inquadrato, secondo me, non tanto in un singolo episodio quanto in una costante violazione che questi Signori esercitano del mandato di rappresentatività. Il tutto con fior di quattrini che il popolo versa mensilmente sui loro conti! Vediamo il registro presenze di una intera legislatura e poi ci accorgeremo davvero chi va sanzionato! Rispondi a anto82

  • Cobain ha scritto il 03 ottobre 2009 alle 22:35 :

    brunetta, c'è bisogno di una legge anche per i parlamentari fannulloni, non prendertela sempre e solo con gli insegnanti, già c'è la gelmini che rompe! Rispondi a Cobain

  • therussian ha scritto il 03 ottobre 2009 alle 22:02 :

    gero grassi nasce assenteista.anche alla regione non andava mai, salvo firmare i fogli di presenza del gruppo la margherita di pepe e minervini una volta al mese... e ora fa l'onorevole!! che schifo Rispondi a therussian

  • AVANPOPOLO ha scritto il 03 ottobre 2009 alle 19:48 :

    OGNUNO, PRIMA O POI, FINISCE PER FARE I CONTI CON LA PROPRIA COSCIENZA... LA LOTTA CONTINUA E LA RIVOLUZIONE NON E'PIU' GENTILE!! AVANTI POPOLO. Rispondi a AVANPOPOLO