Da un anno e mezzo l'Apulia Film Commission ha reso la regione tutta un set meraviglioso

Bari come Roma e Venezia: spazio al festival del Cinema

Nei prossimi giorni spazio a 20 giovani cineasti provenienti da tutta l'Europa

Cultura
Bari martedì 23 settembre 2008
di Antonella Ardito
Il set dell'ultimo lavoro di Pippo Mezzapesa
Il set dell'ultimo lavoro di Pippo Mezzapesa © Enzo Piglionica

La Puglia è tutta da girare, recita lo spot dell'Apulia Film Commission firmato Pippo Mezzapesa, con l'inconfondibile voce di Emilio Solfrizzi. La Puglia ha voglia di cinema ad alto livello, e dopo aver fatto da sfondo a ben 41 produzioni in un anno e mezzo è pronta ad ospitare un grande evento cinematografico, un festival come quello di Venezia e Roma, rendere Bari capitale del sud che sa fare cinema. L'annuncio è di questa mattina: "tra la fine di quest'anno e l'inizio del prossimo realizzeremo il nostro festival - ha rivelato Silvia Godelli, assessore alla cultura della Regione Puglia con il governatore Nichi Vendola - ora andiamo a Roma con due film speciali, Il passato è una terra straniera e I Galantuomini, a mostrare che sappiamo fare cinema".

Intanto grazie al programma quadro Sensi Contemporanei, un accordo  da sei milioni di euro tra Regione Puglia e ministero dello sviluppo economico, l’Apulian Film Commission darà vita a due eventi: il primo è Pugliaexperience, un workshop per 20 registi e cinefili under 30 provenienti da diversi angoli d’Europa. Dal 28 settembre al 18 ottobre gireranno le province pugliesi alla ricerca dell’ispirazione per una sceneggiatura, confrontandosi con registi pugliesi come Winspeare, Sciarra, Rubini e Piva. Nella scrittura saranno aiutati da Amedeo D’Adamo, già presidente della Los Angeles Film School e avranno la possibilità di proporre questi testi a produttori cinematografici italiani e europei come Domenico Procacci, Tilde Corsi e Riccardo Tozzi. L'evento finale avverrà a Foggia con il premio Oscar Gabriele Salvatores. Un altro progetto denominato Memoria, finanziato con 400 mila euro dello stesso programma quadro, punta invece alla produzione di documentari e corti che raccontino la Puglia del '900: 11 tracce per far scatenare la fantasia dei giovani registi pugliesi: il bando scade il 15 ottobre. Le idee migliori saranno interamente finanziate e diventeranno documento audiovisuale da porre con le 20 mila locandine di film storici in possesso dell'assessorato regionale alla cultura in un'apposita mediateca. l costo dei due progetti è di 700 mila euro. Tutte le informazioni sono disponibili su www.apuliafilmcommission.it

Lascia il tuo commento
commenti