Alcuni esponenti del Partito democratico hanno sostato davanti alla porta Orientale con i sindacati della scuola in protesta

Pd con gli insegnanti: "La riforma Gelmini è un sistema ragionieristico"

Dario Ginefra: “Così viene aggredito un sistema d’eccellenza che ci pone al sesto posto nella graduatoria mondiale"

Politica
Bari sabato 13 settembre 2008
di Danilo Calabrese
L'assessore Maugeri con il classico grembiulino blu
L'assessore Maugeri con il classico grembiulino blu © barilive.it
Nella giornata di apertura dei lavori della 72° campionaria barese, per molti non è tempo di festeggiamenti, tanto meno di celebrazioni. Questa mattina, presso l’ingresso Orientale della Fiera del Levante di Bari, i sindacati scuola Cgil, Cisl, Uil e Snals hanno manifestato contro la riforma Gelmini. Al loro fianco c’erano pochi esponenti del Partito democratico pugliese, tra cui gli onorevoli Dario Ginefra e Paola Concia, l’assessore comunale Maria Maugeri (con un grembiulino blu) e il consigliere comunale Cesare Veronico, i quali hanno voluto portare personalmente la loro solidarietà ai dipendenti della scuola pubblica. Con loro anche rappresentanti di Rifondazione comunista e Comunisti italiani.

“Siamo qui per esprimere un profondo no a questa riforma della scuola”, ha dichiarato Ginefra. “Si tratta di un sistema ragionieristico”, ha sottolineato, “in cui la scuola viene vista come un centro di spesa attraverso una riforma che non corrisponde alla lettura della qualità pedagogica”.
Sarebbero, infatti, a rischio non solo più di 80.000 docenti della scuola elementare (penalizzati dall’introduzione del maestro unico), ma la stessa credibilità dell’istruzione italiana.

“In questo modo”, ha continuato l’on. Ginefra, “viene aggredito un sistema d’eccellenza che attualmente ci pone al sesto posto nella graduatoria mondiale. Il ministro Gelmini rispetta poco le qualità dei nostri insegnanti, che, in condizioni salariali umilianti, hanno sempre dimostrato grande professionalità”. I parlamentari Pd si dicono pronti a battagliare colpo su colpo, ma la sensazione è che ci sia ben poco da fare: il testo, che verrà discusso in Parlamento questa settimana, dovrebbe passare con la decretazione d’urgenza, ossia escludendo la possibilità di essere emendato.
“Comunque”, ha concluso Dario Ginefra, “noi presenteremo ugualmente gli emendamenti”.

E la mobilitazione è partita anche fuori dall’assemblea legislativa. Lunedì 15 settembre il Partito democratico si da appuntamento davanti alle scuole della provincia barese per protestare e sensibilizzare società e mondo della scuola sull’argomento.
A Bari l’appuntamento è alle ore 8 al Liceo classico ‘Orazio Flacco’ e alle 12 al Liceo scientifico ‘Scacchi’.
Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • antonio48 ha scritto il 13 settembre 2008 alle 18:40 :

    5) Modificare radicalmente l’esame di Stato : questionario sul modello delle prove d’ingresso alle facoltà universitarie da tenersi presso centri specializzati. Un esame fatto col rigore, trasparenza e senza possibilità di appelli e contestazioni : il voto verrebbe assegnato direttamente da programma sulla base delle risposte fornite. Rispondi a antonio48

  • antonio48 ha scritto il 13 settembre 2008 alle 18:39 :

    L’inizio della rivoluzione? . Proposte operative: 1) Mandare via dalla scuola ingegneri, avvocati, commercialisti, ecc. 2) Tenere le scuole aperte di pomeriggio per attività di recupero ed approfondimento su richiesta degli alunni e dei genitori ; 3)Aumentare il numero delle ore di servizio dei docenti e il relativo stipendio; 4)Dare la possibilità ad alunni e genitori di scegliersi i docenti; Rispondi a antonio48

  • antonio48 ha scritto il 13 settembre 2008 alle 18:27 :

    Sono sostanzialmente daccordo con la posizione espressa dall'on. Ginerfa. Bisogna però prendere anche atto del baratro in cui stà precipitando la nostra scuola (media superiore ed inferiore)e correre seriamente ai ripari al di là di ogni ideologismo. Rispondi a antonio48

  • solosole ha scritto il 13 settembre 2008 alle 14:59 :

    DARIO GINEFRA : un giovane, un uomo dalla faccia pulita che esprime in maniera egregia l'impegno di una militanza, di un impegno severo fatto e costruito per la politica, nell'interesse esclusivo del paese e in particolare della nostra comunità. Chi afferma il contrario finge di non conoscere la sua storia, il suo rigore, il suo impegno,il suo altruismo. Chi semina veleni sul suo conto lo fà per invidia e sarà sepolto dalla sua miseria ! Rispondi a solosole