Il fatto

San Nicola, riti a porte chiuse: la decisione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica

La decisione è stata presa nell’ambito del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi in Prefettura

Attualità
Bari giovedì 19 novembre 2020
di La Redazione
San Nicola
San Nicola © Gianni Spina

Le celebrazioni religiose nel giorno del patrono di Bari, San Nicola, in programma il 6 dicembre; e quelle per il giorno dell’Immacolata, l’8 dicembre, si svolgeranno a porte chiuse.

La decisione è stata presa nell’ambito del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che si è riunito oggi in Prefettura per discutere eventuali misure restrittive per l’emergenza sanitaria da adottare durante le giornate dedicate ai festeggiamenti di San Nicola.

Al comitato ha partecipato il rettore della Basilica, priore Giovanni Distante. In quelle giornate l’amministrazione comunale e i referenti della Basilica si impegneranno nella diffusione di messaggi di sensibilizzazione nei confronti della cittadinanza per evitare festeggiamenti nelle strade e assembramenti nei pressi dei luoghi di culto.

Nell’ottica della collaborazione e delle misure di prevenzione della diffusione del virus non si escludono, da parte dell’amministrazione comunale, ulteriori provvedimenti restrittivi rispetto all’eventuale assembramento e stazionamento nelle aree adiacenti alla Basilica.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 20 novembre 2020 alle 23:27 :

    Sulla sua pagina Facebook padre Distante ha definito come "inevitabile decisione del Comitato" la soppressione della Messa in onore di San Nicola. Che vuol dire? È stata una imposizione senza discussione? Lui scrive di aver solo "preso atto". Quindi glielo hanno imposto d'autorità? È quale? Non ha nulla da ridire? Si è convinto? Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 20 novembre 2020 alle 11:11 :

    La cosa inconcepibile è che un comitato prefettizio abbia il potere di chiudere una chiesa senza discuterne con nessuno, violando diritti della Costituzione come la.liberta di culto è fi riunione. E il culto cattolico fa parte di un accordo tra Stati, sul quale la Prefettura non ha alcuna autorità. Rispondi a Maria P.

  • Marco ha scritto il 19 novembre 2020 alle 19:03 :

    Vorrei capire di chi è l'idea, luminosa o "illuminata" che sia. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 19 novembre 2020 alle 18:59 :

    Spiace constatare come il priore Distante di sia mostrato distante dai desideri e dalle aspettative dei fedeli a San Nicola. Mai prima d'ora era stata impedita la messa mattutina del 6 dicembre. Si potevano, volendo, disporre i fedeli ben distanziati in chiesa, nel cortile e sul sagrato. Ma chiudere la Chiesa no. Rispondi a Franco

    fernando anaclerio ha scritto il 19 novembre 2020 alle 21:41 :

    Convengo sulle sue osservazioni. Rispondi a fernando anaclerio

  • Franco ha scritto il 19 novembre 2020 alle 18:51 :

    I fedeli dovrebbero opporsi a un tale provvedimento autoritario, il Comitato on ha nessun potere di sospendere il diritto al culto così come garantito dalla Costituzione e non siamo ancora in uno Stato di Polizia prefettizia o meno. Rispondi a Franco

Le più commentate
Le più lette