Il ricordo

Quattro anni fa il disastro sull'Andria-Corato: cerimonia in piazza Moro a Bari

Per ricordare le 23 vittime e i 51 feriti dell'incidente tra due treni Ferrotramviaria sull'Andria-Corato, avvenuto il 12 luglio del 2016

Attualità
Bari domenica 12 luglio 2020
di La Redazione
12 luglio, Emiliano: «La verità pian piano sta venendo fuori»
12 luglio, Emiliano: «La verità pian piano sta venendo fuori» © n.c.

Una corona di fiori dopo le note del silenzio militare: è la breve cerimonia che si è svolta questa mattina in piazza Moro a Bari, per ricordare le 23 vittime e i 51 feriti dell'incidente tra due treni Ferrotramviaria sull'Andria-Corato, avvenuto 4 anni fa, il 12 luglio del 2016.

Alla commemorazione hanno preso parte il governatore pugliese Michele Emiliano, il sindaco di Bari Antonio Decaro e una rappresentanza dei parenti di chi perse la vita.

"Ricordiamo oggi le vittime di questa tragedia che ha ferito la nostra comunità - ha scritto su Facebook il sindaco - Quel 12 luglio 2016 è stata una delle giornate più difficili della nostra storia. Nessuno di noi potrà mai dimenticare le lacrime, gli sguardi stravolti, le lamiere contorte, il caldo infernale.Oggi siamo qui per ricordare le vittime di questa tragedia, per testimoniare l'abbraccio virtuale della nostra terra alle loro famiglie e per costruire una comunità sempre più coesa", ha concluso Decaro.

«Come accade per i grandi dolori personali - ha detto il presidente Emiliano - mi ricordo esattamente dov'ero il 12 luglio 2016, cosa stavo facendo, che cosa è successo minuto per minuto. Mi ricordo che per il gran caldo ad un certo punto mi si sono aperte le suole delle scarpe per le ore che eravamo rimasti su quel terreno, con le cicale che frinivano e con i volti dei genitori che chiedevano a noi se fosse vero che i loro figli erano su quel treno. Tutte cose che non si possono dimenticare e che devono trovare la verità».

«Abbiamo il desiderio che la verità arrivi attraverso l’unica strada possibile che è quella del processo. La Regione Puglia è costituita parte civile in adesione totale alle famiglie, in questo processo che sto seguendo con enorme attenzione. La verità piano piano sta venendo fuori ed io mi auguro che si arrivi alla sentenza definitiva il più rapidamente possibile».

Lascia il tuo commento
commenti