Verde cittadino

Riqualificazione Corso Italia: ufficializzata la donazione di 100 alberi da parte di Ikea

Cento alberi di ligustro saranno messi a dimora grazie alla proposta di sponsorizzazione del colosso svedese, del valore commerciale di 10.800 euro

Attualità
Bari mercoledì 17 giugno 2020
di La Redazione
L'Ikea Bari
L'Ikea Bari © n.c.

È stata ufficializzata in queste ore la proposta di donazione avanzata dallo store barese di Ikea per l’allestimento del verde da realizzarsi nell’ambito del progetto di riqualificazione, già finanziato, che a breve interesserà corso Italia nel tratto che va da piazza Moro al sottopasso di via Quintino Sella.

L’intervento riguarda la ridefinizione degli spazi pedonali e carrabili della strada con la realizzazione di una pista ciclabile a doppia corsia, l’esecuzione di nuovi sottoservizi impiantistici e finiture, nuova illuminazione e camminamento pedonale.

Quanto all’impatto green dell’opera, 100 alberi di ligustro saranno messi a dimora nel corso del cantiere grazie alla proposta di sponsorizzazione di Ikea, del valore commerciale di 10.800 euro.

“La scelta di Ikea, che ha voluto offrire il proprio contributo per portare a termine un progetto ecosostenibile attraverso un rilevante intervento di greening urbano - dichiara Antonio Decaro - testimonia una nuova attenzione diffusa alla qualità degli spazi pubblici che rappresentano un importante patrimonio collettivo da curare e valorizzare.

Lo store barese, già al fianco dell’amministrazione per altre iniziative, tra cui la riqualificazione di largo Albicocca a Bari vecchia e l’intervento di street art sui muri FAL sempre in corso Italia, conferma la propria vicinanza al nostro territorio e ai temi della sostenibilità ambientale.

Negli ultimi anni, grazie anche a un’interlocuzione costante con le realtà imprenditoriali e private della città, è cresciuta sensibilmente l’attenzione alla qualità dell’ambiente urbano e all’importanza del verde per il benessere dell’intera comunità. Vanno in questa direzione l’adozione del verde delle rotatorie di nuova esecuzione da parte di associazioni e imprese locali come pure l’impegno dei giovani imprenditori di Confindustria Bari-Bat che hanno voluto donare 18 giovani alberi e circa 290 arbusti per il parco in esecuzione nella ex Caserma Rossani.

In base all’attuale regolamento comunale sulle sponsorizzazioni, tutti i soggetti interessati possono legare il proprio marchio e logo alle trasformazioni che renderanno la nostra città sempre più bella e vivibile”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 18 giugno 2020 alle 08:18 :

    La costruzione del magazzino IKEA causò la distruzione di molti ettari di campagna alberata a Mungivacca, trasformando ettari ed ettari di terreno coltivato in una landa assolata e desolata anche se "commerciale". Bisognerebbe capire perché venne rasa al suolo quella zona agricola visto che si sarebbe potuto optare per la zona industriale. Rispondi a Franco

    Marco ha scritto il 18 giugno 2020 alle 20:23 :

    Le grandi multinazionali hanno bisogno di queste operazioni di immagine per far dimenticare altro. In questo caso il taglio di centinaia di alberi a Mungivacca. Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 17 giugno 2020 alle 16:50 :

    Solo una piccola parte degli alberi che l'IKEA ha tagliato a suo tempo per realizzare il suo capannone e il grande parcheggio. Avrebbe potuto dare esempio di ambientalismo lasciandone qualcuno. Allora. Rispondi a Maria P.