Emergenza sanitaria ed economia

Fase 2 in Puglia: al ristorante tavoli distanti 1,8 metri e plexiglas

​È stato discusso ieri pomeriggio il 'Manuale della sicurezza' per le riaperture nel settore del turismo e della cultura in Puglia

Attualità
Bari domenica 10 maggio 2020
di La Redazione
tavolo ristorante
tavolo ristorante © n.c.

È stato discusso ieri pomeriggio il 'Manuale della sicurezza' per le riaperture nel settore del turismo e della cultura in Puglia.

All'incontro hanno partecipato il professore Pierluigi Lopalco, l'assessore alla Cultura e al Turismo Loredana Capone, i professori universitari che hanno elaborato il testo e una quarantina di rappresentanti delle associazioni di categoria con i sindacati.

Per quanto riguarda la ristorazione, il Manuale indica alcune misure di sicurezza, tra cui una distanza di 1,8 metri tra i tavoli; percorsi pedonali a senso unico; gestione delle code in entrata con apposita segnaletica orizzontale. Gli esperti consigliano anche di incentivare il pagamento mediante carta di credito, l'attivazione di sistemi di prenotazione del tavolo tramite app, l'utilizzo di menu digitali scaricabili sul proprio smartphone, l'installazione di pannelli in plexiglass sui tavoli se i clienti non appartengono allo stesso nucleo familiare, sistemi di sensori per il controllo della temperatura dei clienti e del personale, utilizzo di barriere in plexiglass anche sul bancone.

Invece, negli alberghi, b&b e tutte le strutture ricettive il personale della reception dovrà contingentare gli accessi e sarà incaricato di effettuare uno screening all'ingresso che dovrà prevedere la rilevazione della temperatura corporea e la somministrazione di un questionario. "Una riunione davvero proficua - ha detto Capone - sulle prossime riaperture e sul come farle nella massima sicurezza".

"Credo che un punto di incontro si possa trovare facilmente - ha aggiunto Lopalco - il passaggio dalla parte scientifica del profilo di rischio generale alle prescrizioni singole non potrà non tenere conto di tulle le considerazioni emerse nell'incontro di oggi. Andranno fatti dei protocolli specifici e territoriali".

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 10 maggio 2020 alle 11:03 :

    I presunti esperti, che si contraddicono tra loro, stanno contribuendo a diffondere il terrore tra la gente comune, anche con norme assurde, inapplicabili e inefficaci. Rispondi a Franco

    Maria P. ha scritto il 10 maggio 2020 alle 14:07 :

    Infatti, una coppia di coniugi può mangiare al tavolo a casa ma se va al ristorante dovrebbe restare divisa,da un pannello di plexigas. Follia pura. Rispondi a Maria P.

    Enzo Maggiora ha scritto il 10 maggio 2020 alle 19:46 :

    Leggi bene la normativa, i pannelli di plexiglas vanno messi solo se allo stesso tavolo siedono persone non appartenenti allo stesso nucleo familiare Rispondi a Enzo Maggiora

    Marco ha scritto il 11 maggio 2020 alle 13:19 :

    E lì vai a spiegare cosa vuol dire"appartenenti allo stesso nucleo familiare". Come per la barzelletta dei "congiunti". Navighiamo a vista, guidati da ciechi.