Bari cambia

San Cataldo, Decaro: «Il sogno di avere un vero approdo turistico a Bari si va concretizzando»

Il sindaco:«Opera strategica: la nostra città si inserirà appieno anche in quella fascia di offerta turistica che punta ad un target differente, con servizi dedicati all’approdo degli yatch e all'accoglienza degli ospiti a bordo»

Attualità
Bari giovedì 13 febbraio 2020
di La Redazione
Molo San Cataldo
Molo San Cataldo © n.c.

Questa mattina il sindaco Antonio Decaro ha incontrato il presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico meridionale Ugo Patroni Griffi per condividere il progetto di fattibilità dell’approdo turistico da realizzarsi nell’ambito del più ampio intervento di sistemazione e valorizzazione del molo San Cataldo che ospiterà, oltre al porto per le barche superiori a 12 mt, anche una nuova banchina necessaria per l’attracco a Bari di tre pattugliatori e dei relativi equipaggi, come da accordi con la Capitaneria di Porto e la stessa Autorità portuale.

L’incontro odierno - fanno sapere dal Comune - è stato utile per valutare l'iter procedurale dopo l'invio del progetto al Consiglio superiore dei Lavori pubblici, che dovrà esprimersi in merito alla sua fattibilità per far sì che entro l’anno possa partire la manifestazione di interesse finalizzata a individuare i soggetti che dovranno realizzare e gestire l’opera.

“Il sogno di avere un vero approdo turistico a Bari si va via via concretizzando - commenta Antonio Decaro -. Oggi abbiamo condiviso con il presidente dell’Autorità portuale i dettagli relativi alle procedure e sollecitato il Consiglio nazionale dei Lavori pubblici per l’approvazione della variante che ci permetterà di procedere con la manifestazione di interesse. Quest’opera ha davvero un valore strategico per Bari, che ogni anno migliora la sua performance di meta turistica. In questo modo la nostra città si inserirà appieno anche in quella fascia di offerta turistica che punta ad un target differente, con servizi dedicati all’approdo degli yatch e all'accoglienza degli ospiti a bordo. Il progetto a cui stiamo lavorando prevede inoltre una sistemazione generale del molo San Cataldo, che da sempre si presta a diventare approdo per le imbarcazioni e località per il tempo libero”.

Lascia il tuo commento
commenti