Il provvedimento

Ex Om: da Camera via libera definitivo a mobilità in deroga per operai

Già per lunedì prossimo è stato convocato dalla Task Force per l’occupazione il tavolo sulla vertenza, per discutere della modalità dell’erogazione della mobilità in deroga e per fare il punto con l’azienda subentrante

Attualità
Bari giovedì 31 ottobre 2019
di La Redazione
L'ex stabilimento di Om Carrelli a Modugno
L'ex stabilimento di Om Carrelli a Modugno © n. c.

La Camera dei Deputati ha dato oggi il via libera al “DL imprese”, che contiene le norme per la concessione della mobilità in deroga per i lavoratori della ex OM di Bari-Modugno.

“L’approvazione definitiva – spiega il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – ci permetterà di affrontare con più serenità i prossimi mesi, garantendo continuità di reddito ai lavoratori che non hanno mai mollato in attesa della reindustrializzazione del sito.

Ancora una volta va il mio ringraziamento alla delegazione parlamentare pugliese, al capo del Governo Giuseppe Conte, ai ministri delle Regioni e del Lavoro Francesco Boccia e Nunzia Catalfo e a chi ha creduto nel raggiungimento del risultato”.

Il consigliere del presidente, Domenico De Santis, ha annunciato che “già per lunedì prossimo è stato convocato dalla Task Force per l’occupazione il tavolo sulla vertenza, per discutere della modalità dell’erogazione della mobilità in deroga e per fare il punto con l’azienda subentrante che si occuperà di recupero materiale riciclabile sul cronoprogramma per la reindustrializzazione della fabbrica”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 31 ottobre 2019 alle 22:39 :

    Ma perché in questi giorni continuano a ripetete che la Fiat-FCA non ha progetti per auto elettriche quando l'OM, che in realtà è (era) un ramo d'azienda della Fiat aveva già un progetto di una macchina biposto elettrica? Vista anche in Fiera del Levante. Rispondi a Franco

  • Michele Santostasi ha scritto il 31 ottobre 2019 alle 18:18 :

    Le istituzioni hanno fallito. Non andavano messi in mobilità i lavoratori, ma bisognava convertire la fabbrica ad una nuova produzione. Per esempio auto elettriche. Bisognava valorizzare le capacità di quei lavoratori che per anni hanno prestato la loro opera e messo il loro impegno per far fiorire la OM, demolita da manovre speculative di mercato. Rispondi a Michele Santostasi

    Franco ha scritto il 01 novembre 2019 alle 11:36 :

    L'OM è sempre stata una appendice della Fiat ed è stata la Fiat con Marchionne, che non credeva all'elettrico, a bocciare la produzione di auto elettriche alla OM. Rispondi a Franco