Ambiente

Un evento in Fiera con Al Bano per dire no alla plastica: «Insieme ai bambini per una Puglia pulita»

Presentato il progetto di educazione ambientale nelle scuole “Il bello del nostro Rifiuto io lo uso” e i dati di “Fishing for Litter” a nove mesi dall’avvio

Attualità
Bari venerdì 20 settembre 2019
di La Redazione
Al Bano, Emiliano e Stea
Al Bano, Emiliano e Stea © n.c.

“Oggi presentiamo una bellissima iniziativa insieme ad Al Bano e a tantissimi bambini. Ai bambini dico grazie, perché sono l’energia della nostra Regione. La Puglia ringrazia e sostiene anche tutti i pescatori che ci danno una mano a togliere dal mare la plastica. Di recente mi sono misurato in questo compito anche andando sott’acqua (alle isole Tremiti con il progetto Albatros, ndr). I pescatori gettano le loro reti e spesso le ritirano piene di plastica: noi abbiamo messo a punto un modo per prenderla, toglierla dal mare e portarla dove può essere riutilizzata e compensare il disagio dei pescatori che la riportano a terra”.

Così il presidente della regione Puglia Michele Emiliano a margine dell’Iniziativa dell’Assessorato alla qualità dell’Ambiente della Regione Puglia che ha presentato oggi nella Fiera del Levante, pad 152, il progetto di educazione ambientale nelle scuole “Il bello del nostro Rifiuto io lo uso” e i dati del progetto pilota “Fishing for Litter” a nove mesi dall’avvio. Una iniziativa alla quale ha preso parte anche il ministro degli Affari regionali Francesco Boccia. Ospite straordinario della giornata e da tempo ambasciatore nel mondo di Una Puglia pulita Albano che ha sottolineato il suo impegno per le questioni ambientali.

“Sono sei volte padre, quindi con me si sfonda una porta aperta a parlare di bambini. Penso che la plastica sia un insulto alla sensibilità umana e tutti quelli che la producono per buttarla nelle strade sono degli insensibili che dovrebbero cambiare nazione. La Puglia è la nostra faccia. Allora chiedo: ti andrebbe di vedere la tua faccia tutta sporca? La risposta la conosco, è no. Noi dobbiamo vedere ogni passo che facciamo, perché quel passo sta sulla faccia di ognuno di noi. La plastica va messa nel posto giusto e non certo in mezzo alle strade. é una vergogna internazionale trovare plastica per strada e questo non va bene, una cosa assurda che va cancellata, contraria al benessere di una regione e della popolazione. Quindi un po’ più di accortezza, un po’ più di attenzione, cominciando dalle scuole. è fondamentale sensibilizzare fin da bambini. Ricordo che una volta in Puglia non trovavi nemmeno una carta per terra, c’era una pulizia straordinaria: e adesso che ci sono più mezzi, persone e conoscenze dobbiamo assistere a questo degradante spettacolo? Io non ci sto”.

L’assessore all’ambiente Gianni Stea ha ricordato alcune azioni dell’assessorato messe in campo sul territorio pugliese. Stiamo lavorando con una serie di progetti su tutto il territorio pugliese, come Fishing for litter per il recupero della plastica in mare. Stessa cosa per il recupero della plastica dalle campagne. Oggi – ha continuato - lanciamo nella Fiera del Levante, insieme all’Ager il progetto che la pulizia delle strade provinciali di Puglia. Oggi inoltre presentando il progetto di educazione ambientale ribadisco che per cambiare l’atteggiamento verso l’ambiente occorre partire dalle nuove generazioni. Per questo proporrò, con la collaborazione del presidente Emiliano due ore di educazione ambientale al mese nelle scuole. Una proposta che partirà dalla Puglia ma che spero possa essere estesa su tutto il territorio nazionale”.

Ottimi i risultati raggiunti inoltre, dalla puglia in materia di differenziata, come ha sottolineato il presidente di Corepla Antonello Ciotti che con il Presidente Emiliano ha consegnato una targa all’Assessorato all’Ambiente e ai Comuni che hanno partecipato al progetto del recupero della plastica dal mare. In 9 mesi sono stati raccolti 2740 tonnellate di rifiuti di cui 315, 5 kg sono imballaggi in plastica. Sono i dati aggiornati del progetto Pilota Fishing for litter partito a Molfetta e che ha coinvolto anche Barletta, ilkustrati questa mattina dal presidente di Corepla, Antonello Ciotti alla Fiera del Levante.

“La Puglia – ha detto - è partita nel 2018 con una media ancora di raccolta differenziata al di sotto del 17 chili ( la media nazionale è di 20 chili), ultimamente ha avuto un impulso incredibile con un balzo del 20% in più. Quindi la strada è quella giusta. In questo quadro “Fishing for litter è molto importante perché è la prima volta che abbiamo fatto un accordo con una regione Italiana affinché i pescatori conferiscano tutto quello che viene raccolto dal mare. E con questo abbiamo centrato due obiettivi, il primo capire da dove proviene il marine litter per evitare che ce ne siano ancora e il secondo è quello di aver cominciato con il riciclo, per quanto possibile, di quanto raccolto”.

Oggi in fiera anche la premiazione di alcuni Comuni Pugliesi che si sono distinti per la raccolta differenziata. Dei sei comuni che hanno partecipato al contest Keep plastic e salva il mare” ( Brindisi, Molfetta, Barletta, Santa Cesarea terme, Manfredonia e Castellaneta) premiato il comune di Barletta a cui saranno regalati arredi urbani fatti in plastica riciclata di rifiuti marini.

Sul progetto Fishing for litter è intervenuto anche il dg di Ager Gianfranco Grandaliano. “Questa p una delle prime iniziative che abbiamo in animo di estendere a tutto il territorio pugliese, d’intesa con l’assessorato. Ma il messaggio che noi vogliamo dare è l’utilizzo responsabile della plastica per ridurre la produzione di rifiuti”.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 21 settembre 2019 alle 06:29 :

    Ci sono diversi sostenitori del No Plastic che la plastica però ce l'hanno in casa e non reclamano, se la sono fatta le loro mogli. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 20 settembre 2019 alle 14:59 :

    Siamo ormai pervasi, assillati dalla retorica no Plastic e da quelli che la utilizzano per farsi facile pubblicità. Una campagna "gretina" che ha stancato prima ancora di cominciare. Rispondi a Franco