Il fatto

M5S: «Vittoria dei cittadini di Palese - Santo Spirito in Consiglio comunale»

Presa di posizione compatta di tutto il Consiglio Comunale a proposito del progetto di chiusura di 8 passaggi a livello presentato da Rfi

Attualità
Bari venerdì 06 settembre 2019
di La Redazione
Elisabetta Pani
Elisabetta Pani © web

“Durante il Consiglio Comunale odierno i veri protagonisti sono stati i cittadini di Palese Santo Spirito che hanno potuto assistere ad una presa di posizione compatta di tutto il Consiglio Comunale a proposito del progetto di chiusura di 8 passaggi a livello presentato da Rfi.” afferma la ex candidata sindaco del M5S Elisabetta Pani.

E’ stata infatti presentata una mozione urgente firmata da tutti i capigruppo di opposizione e maggioranza, su impulso della Portavoce del M5S che, durante l’incontro organizzato dal Comitato “No ai Muri” del 30/9/2019, si era impegnata a portare nell’Aula Dalfino la volontà dei cittadini condivisa durante l’incontro con un impegno “informale” anche dal Sindaco Antonio Decaro.

La mozione urgente, approvato all’unanimità, invita il Sindaco a esprimere il suo netto diniego al “Progetto Definitivo per la realizzazione di opere sostitutive dei passaggi a livello” durante la Conferenza di Servizi che si apre il prossimo 10/9/2019. Il Progetto infatti prevede la chiusura di ben 8 passaggi in un progetto unitario nonostante la convenzione tra Comune e RFI del 2016 si riferisca ad “alcuni interventi che il Comune esaminerà al fine della eventuale approvazione ” e che “con successive convenzioni saranno puntualizzati gli interventi per i quali si intende procedere alla realizzazione”; “il Comune non ha quindi alcun obbligo alla approvazione di un progetto cumulativo che nella sua interezza risulta impattante in modo irrimediabile sul territorio” ribadisce la Pani.

La mozione invita anche il Sindaco a monitorare con assiduità il progetto di variante per l’asse Bari Nord attraverso interlocuzioni costanti con le autorità competenti a tutti i livelli istituzionali; la variante è infatti l’unico progetto che potrà determinare una soluzione definitiva per i cittadini di Palese Santo Spirito

Tutto il Consiglio Comunale si è quindi schierato compatto dalla parte dei cittadini rimarcando l’intenzione di approvare solo tre delle opere sostitutive presenti nel progetto (Sottovia Caladoria e viabilità di collegamento Via Napoli Via Lucca, Sottovia Catino e viabilità di Collegamento Strada Catino-Via Conte Mossa, Viadotto Lamasinata) senza alcun tipo di impegno per la restante parte del progetto.

Durante la seduta il M5S ha presentato anche due ordini del giorno sul tema delle Commissioni Consiliari ed in particolare sulle “Registrazioni delle sedute delle Commissioni Consiliari” e sulla “Partecipazione alle Commissioni Consiliari”; la portavoce Alessandra Simone, prendendo spunto dall’impegno firmato con i Comitati “Il Quartierino, Comitato per il decoro e la salvaguardia della zona Umbertina e il Comitato Cittadini attivi del Libertà” dalla candidata sindaco del M5S e da altri ex candidati ora consiglieri, ha richiesto un impegno formale del Sindaco e dell’Assessore al Ramo affinchè vengano pubblicizzati sul sito del Comune di Bari gli ordini del giorno delle sedute delle singole Commissioni nonché le registrazioni audio o video delle stesse.

Queste richieste consentirebbero all’amministrazione del Comune di Bari di rispondere in modo più puntuale a tutta la normativa nazionale sulla trasparenza e sulla digitalizzazione (Legge 150/2000, D. Lgs. N. 82/2005, D. Lgs n.150/2009) nonché agli articoli n. 5 e n. 14 dello Statuto Comunale che in particolare “assicurano e promuovono la più ampia partecipazione dei cittadini/e singoli/e, associati/e alle scelte politiche e amministrative che li riguardano”.

Il M5S ha deciso di accogliere la richiesta della maggioranza di ritirare l’ordine del giorno sulle registrazioni in prospettiva dell’istituzione di una Commissione di revisione e adeguamento Regolamenti (art.29bis). E’ stata invece sottoposta a votazione la proposta di pubblicazione degli ordini del giorno delle convocazioni delle commissioni e bocciata dal Consiglio Comunale con 16 voti contrari e 11 favorevoli.

“Ci stupisce la bocciatura di un ordine del giorno di semplice ed immediata applicazione che non avrebbe comportato costi aggiuntivi a fronte di un passo importante nella direzione della trasparenza e della partecipazione” afferma la Consigliera Simone.

Lascia il tuo commento
commenti