Bari cambia

San Paolo, parco "Giovanni Paolo II": illuminazione e videosorveglianza per scoraggiare i vandali

Appalto di 900mila euro che completa il trittico di interventi che l’amministrazione ha programmato su tre spazi verdi importanti della città: parco 2 Giugno, pineta San Francesco e il parco Giovanni Paolo II

Attualità
Bari venerdì 16 agosto 2019
di La Redazione
parco
parco "Giovanni Paolo II" © n.c.

Nell’ambito delle politiche di manutenzione e miglioramento degli spazi pubblici cittadini, in questi giorni è stata aggiudicata la gara per i lavori illuminotecnici all’interno del parco Giovanni Paolo II nel quartiere San Paolo.

Si tratta di un appalto di 900.000 euro che completa il trittico di interventi che l’amministrazione ha programmato su tre spazi verdi importanti della città: parco 2 Giugno, pineta San Francesco e il parco Giovanni Paolo II.

Nello specifico, saranno installati, a cura della società aggiudicatrice Electra srl di Taranto 75 nuovi corpi illuminanti, a potenza differenziata in base alla zona, che spaziano da un minimo di 95 watt ad un massimo di 190 watt, con una potenza complessiva di poco meno di 10 kwatt.

La scelta tecnologica di luci a led, con luce bianca, che permette di non avere alterazioni cromatiche e allo stesso tempo assicura una buona visibilità anche per le immagini delle telecamere, garantisce anche un contenimento nei costi e nei consumi.

Parallelamente, grazie alle somme rinvenienti dai ribassi di gara si procederà a realizzare e installare un impianto di videosorveglianza che potrà contare su oltre 30 telecamere.

“In questi giorni purtroppo il parco è stato chiuso per motivi di sicurezza, per via di un ennesimo atto vandalico che ha danneggiato la struttura interna, con una quantità di danni sui muri tale da indurci a valutare con i tecnici della ripartizione lavori Pubblici l’opportunità di tenere ancora in piedi il manufatto o demolirlo totalmente – spiega l’assessore Galasso - . Nel caso dovessimo mantenere questo presidio, con il Municipio concorderemo un progetto di affidamento e gestione del chiosco in modo da avere un’attività permanente all’interno del parco che coinvolga i residenti del quartiere e altri cittadini. Anche a fronte di questo episodio, siamo sempre più convinti che questo spazio necessiti di una illuminazione più efficiente e di telecamere che collegate con la centrale operativa, possano permettere l’intervento della Polizia Locale o di altre forze dell’Ordine, oltre a fungere da deterrente soprattutto per i più giovani. I lavori partiranno a fine settembre e andranno avanti fino al mese di gennaio con l’obiettivo di consegnare ai residenti di questo quartiere un parco più sicuro e più funzionale”.

“Sicuramente è importante avere un impianto di videosorveglianza – spiega il presidente del III Municipio Schingaro -, ma è necessario farlo vivere il parco. La presenza dei residenti, la loro partecipazione, può contribuire a costruire e a rafforzare un legame con il luogo fino a renderlo uno spazio vissuto. In qualità di presidente del Municipio , auspico allora che in questi anni e per il futuro vi sia un lavoro congiunto con l’Amministrazione comunale, affinché vi sia l’offerta di iniziative, attività, manifestazioni ed eventi culturali che non solo diventino fonte di coinvolgimento e partecipazione dei residenti, ma siano anche ragione di incontro/confronto con il resto della città, favorendo una migliore integrazione della periferia nel tessuto urbano. Se la riqualificazione del parco di una periferia fa pensare soprattutto a ricadute positive per i residenti, quello che però può fare la differenza è rendere quel parco un luogo di centralità. Favorire la partecipazione e far sì che il parco sia pienamente vissuto, con molta probabilità, potrà invece spingere i residenti persino a difendere il ‘loro’ parco.

Lascia il tuo commento
commenti