Bari cambia

Giardino Impastato a Catino, iniziati i lavori di riqualificazione

Gli interventi, dell’importo complessivo di 1 milione e 175mila euro, dureranno circa 300 giorni

Attualità
Bari giovedì 23 maggio 2019
di La Redazione
Decaro a Catino
Decaro a Catino © n.c.

Il sindaco Antonio Decaro ha effettuato ieri un sopralluogo sul cantiere per i lavori di riqualificazione dell’area verde intitolata a Peppino Impastato, a Catino, che al termine degli interventi diventerà un grande giardino attrezzato.

“Sono iniziati i lavori - ha detto Decaro - per la realizzazione del parco dedicato a Peppino Impastato. E’ grande 22mila metri quadri, un’area a verde molto grande all’interno di questo quartiere. Previste, nuove piantumazioni, sedute, il percorso per i runner all’esterno, un parco giochi per i bambini, un’area per i cani e un campo di pallacanestro. Il tutto sarà illuminato a giorno nelle ore serali. Insomma, un grande parco dove socializzare e praticare sport. A breve, inoltre, inizieranno anche i lavori per il playground davanti alla chiesa e poi la riqualificazione dello stadio che diventerà lo stadio del rugby. Verranno da tutta l’area metropolitana a giocare qui, all’interno di questo quartiere”.

Sull’area di 22mila mq saranno effettuate numerose piantumazioni di alberi e arbusti della macchia mediterranea, che si aggiungeranno ai due filari di pini esistenti, mentre per consentire anche agli anziani di vivere al meglio lo spazio pubblico sarà realizzato un gazebo coperto in legno con tavoli e sedute. L’impianto di illuminazione generale dell’area sarà realizzato secondo gli standard adottati per tutti gli interventi sul territorio comunale, con luce bianca a led che non altera la percezione cromatica.

Nel corso del cantiere sarà anche risolto il problema, più volte segnalato dai residenti, relativo agli allagamenti in occasione di piogge particolarmente intense: infatti, al di sotto di via Nicholas Green, esiste un tronco di fognatura bianca eseguito anni fa e mai entrato in funzione, in quanto privo di un recapito finale. Pertanto, sarà creata una vasca di accumulo e raccolta delle acque che ne consentirà il riutilizzo per scopi irrigui (previo trattamento di filtratura, disoleatura e dissabbiatura), mentre le eventuali acque in eccesso saranno smaltite nel sottosuolo attraverso l’esecuzione di pozzi anidri.

Il giardino, infine, sarà dotato di un impianto di videosorveglianza a garanzia della sicurezza dello spazio e dei suoi frequentatori.

Gli interventi, dell’importo complessivo di 1 milione e 175mila euro, dureranno circa 300 giorni.

Lascia il tuo commento
commenti