Ambiente urbano

Coldiretti e Campagna Amica adottano la rotatoria di via Caldarola

La rotatoria più grande della città di Bari, che occupa all’incirca 700 mq, ospiterà ulivi e melograni, con una coreografia bianca e blu di Agapanthus

Attualità
Bari mercoledì 24 aprile 2019
di La Redazione
Lavori alla rotatoria di via Caldarola a Bari
Lavori alla rotatoria di via Caldarola a Bari © n.c.

Ieri pomeriggio sopralluogo del sindaco di Bari, Antonio Decaro, alla rotatoria di via Caldarola per verificare l’avvio dei lavori di piantumazione e manutenzione del verde affidati alle cure di Coldiretti e Campagna Amica, senza costi per la città.

La rotatoria più grande della città di Bari, che occupa all’incirca 700 mq tra Via Caldarola e il Ponte San Pio Sarà, ospiterà ulivi e melograni, con una coreografia bianca e blu di Agapanthus appartenenti alla famiglia delle Liliaceae.

Voglio ringraziare la Coldiretti e Campagna Amica per il grande regalo che oggi sta facendo alla città di Bari - ha detto il sindaco Decaro -. La cura e la manutenzione di questi spazi sono attività molto importanti che spesso le aziende pubbliche non riescono a portare avanti solo con le proprie forze. Questo è uno snodo cruciale per la viabilità di Bari da cui passano quotidianamente centinaia di persone che dalle prossime settimane potranno godere, anche solo al passaggio, di un’area verde curata, con nuovi alberi, che si inserisce nella riqualificazione dell’intera zona. Quella di oggi è un'altra risposta ad un appello che avevo fatto qualche mese fa. E' la terza rotatoria che affidiamo in poco tempo. Ne sono rimaste due, ma tra pochi giorni annunceremo nuovi accordi”.

Non potevano mancare gli ulivi, il simbolo della Puglia, che continuano ad essere il segno distintivo del nostro paesaggio e della nostra cultura. Caratterizzeranno la rotatoria, un progetto di cui beneficerà l’intera collettività e per il quale ringraziamo le imprese agricole che hanno collaborato, a partire dai Giardini Lapietra di Monopoli”, commenta il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

Lascia il tuo commento
commenti