Il fatto

Occupazione suolo pubblico in aree sottoposte a tutela, Comune e Soprintendenza firmano protocollo

L'accordo ha l'obiettivo di superare alcune criticità più volte segnalate dagli esercenti commerciali nelle zone tutelate e di semplificare l’iter autorizzativo

Attualità
Bari giovedì 21 marzo 2019
di La Redazione
Il sindaco Decaro e il soprintendente La Rocca
Il sindaco Decaro e il soprintendente La Rocca © n.c.

È stato sottoscritto oggi dal Comune di Bari e dalla Soprintendenza all’Archeologia, Belle arti e Paesaggio della Città metropolitana il protocollo d’intesa relativo all’occupazione di suolo pubblico per attività commerciali in aree sottoposte a tutela, che comporterà l’aggiornamento del vigente regolamento comunale delle occupazioni di suolo pubblico per adeguarne le previsioni al mutato contesto normativo per i beni culturali.

In particolare l’accordo siglato prevede l’esatta perimetrazione delle aree di maggior pregio e l’avvio di una “progettazione unitaria per aree vincolate omogenee” individuando in questa prima fase, come aree interessate dall’attività congiunta di Comune e Soprintendenza, piazza Mercantile, piazza Odegitria e piazza Del Gesù. La progettazione unitaria consentirà di ottenere l’installazione di elementi di arredo urbano coordinandone la tipologia e garantendo le stesse caratteristiche tecniche e tipologiche per ogni specifico ambito urbano, con l’obiettivo generale di garantire un’immagine esteticamente compatibile con il contesto urbano nel legittimo esercizio delle attività commerciali autorizzate.

L’intesa consente inoltre di semplificare le procedure necessarie, sintetizzando in un unico atto amministrativo l’autorizzazione all’occupazione di suolo pubblico e la concessione ministeriale prevista per i beni tutelati, evitando la duplicazione dei procedimenti.

In particolare il documento, all’art. 6, stabilisce la proroga per sei mesi delle concessioni di suolo pubblico già rilasciate e relative alle zone vincolate da sottoporre a progettazione unitaria, a patto che non siano state accertate, a carico del titolare, occupazioni abusive o difformi dalla disciplina vigente (con esclusione della avvenuta permanenza degli arredi durante le ore di chiusura dell’esercizio), e che non siano presenti integrazioni lungo gli ombrelloni concessi, (teli verticali abbassabili e/o raccoglibili lateralmente).

Il nuovo regolamento, che dovrà essere sottoposto al vaglio del Consiglio comunale, recepirà le indicazioni contenute nel protocollo e gli esiti delle verifiche in loco svolte congiuntamente da Comune e Soprintendenza per la redazione della progettazione unitaria.

Questo provvedimento è il risultato di un’intensa attività di confronto tra i tecnici del Comune e della Soprintendenza - dichiara il sindaco Antonio Decaro -, svolta con l’obiettivo di attualizzare il precedente protocollo sottoscritto tra i due enti nel 2011 superando alcune criticità più volte segnalate dagli esercenti commerciali nelle zone tutelate, e di semplificare l’iter autorizzativo racchiudendo in un unico atto amministrativo l’insieme delle autorizzazioni previste dalle leggi di tutela. Tra le questioni più volte lamentate, ad esempio, la difficoltà dei commercianti di rimuovere quotidianamente, a fine esercizio, gli arredi, prescrizione che cadrà con la nuova stesura del regolamento, fermi restando i criteri della facile rimovibilità delle strutture. Questa disciplina intende assicurare ai cittadini e ai visitatori la possibilità di godere della bellezza dei nostri beni tutelati, luoghi e immobili rilevanti dal punto di vista storico e architettonico, senza ostacoli di carattere visivo. Ringrazio il soprintendente La Rocca e i tecnici della Soprintendenza per aver condiviso soluzioni che tengono insieme i principi della tutela del nostro patrimonio e le ragioni dei commercianti, che con la loro attività presidiano e animano i nostri centri storici”.

Lascia il tuo commento
commenti