Il fatto

Amnesty, anche a Bari la fiaccolata per chiedere, ancora, verità e giustizia per Giulio Regeni

Il 25 gennaio, dalle 19, in Corso Vittorio Emanuele​, Amnesty International inviterà ad accendere candele per continuare a chiedere verità e giustizia per il giovane ricercatore a tre anni dalla sua scomparsa in Egitto

Attualità
Bari mercoledì 23 gennaio 2019
di La Redazione
Giulio Regeni
Giulio Regeni © n.c.

Anche a Bari, come in altre 100 città italiane, a tre anni esatti dalla sua scomparsa in Egitto, si svolgerà la fiaccolata “Verità per Giulio Regeni”.

Il 25 gennaio, dalle 19, in Corso Vittorio Emanuele, Amnesty International inviterà ad accendere candele per continuare a chiedere verità e giustizia per il giovane ricercatore.

«In questo terzo anniversario di lutto e di domande ancora senza risposta - si legge in una nota di Amnesty -, è fondamentale non consegnare la figura di Giulio alla commemorazione, ma continuare a reclamare giustizia fin quando non ci sarà una verità giudiziaria che coincida con quella storica, che accerti le responsabilità individuali, collocandole in una precisa catena di comando. Rimbombano sempre le parole di Paola Deffendi, madre di Giulio Regeni: “…tutto il male del mondo che ho visto sul corpo di Giulio (…), un corpo riconosciuto solo dalla punta del naso”».

Anche a Bari dunque avrà luogo una fiaccolata per mantenere simbolicamente accesa la luce su quanto accaduto, dimostrare la vicinanza della cittadinanza alla famiglia Regeni e chiedere, ancora, verità e giustizia per Giulio.

È previsto l’intervento di rappresentanti di Amnesty International sulla campagna “Verità per Giulio Regeni”, la lettura di una nota della famiglia del giovane ricercatore e di alcuni brani a tema, fino alle 19:41, orario in cui persero le tracce di Giulio, quando tutte le candele saranno accese e verrà osservato un minuto di silenzio.

Lascia il tuo commento
commenti