70mila euro al Comune di Bari

Polo infanzia a Carbonara, siglato il protocollo con la Regione per la progettazione

L'accordo è finalizzato finanziare un concorso per la redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica al fine di garantire la qualità dell’architettura

Attualità
Bari lunedì 10 dicembre 2018
di La Redazione
La firma del protocollo d'intesa
La firma del protocollo d'intesa © Comune Cassano

É stato siglato stamattina, negli uffici regionali, il protocollo d'intesa tra la Regione Puglia - Sezione Istruzione e Università e i Comuni di Bari, Altamura e Capurso, inseriti nella graduatoria unica regionale delle manifestazioni di interesse presentate dagli enti locali per la realizzazione dei Poli per l’infanzia innovativi.

L'accordo è finalizzato a garantire la qualità dell’architettura nella progettazione dei tre Poli per l’infanzia innovativi, mediante l’espletamento di un concorso di progettazione in un unico grado avente ad oggetto l’acquisizione di un progetto di fattibilità tecnico-economica, con la eventuale riserva della stazione appaltante di affidare al vincitore l’incarico della progettazione definitiva ed esecutiva.

Nel dettaglio, la Regione si impegna a fornire a ciascun Comune un contributo finanziario pari a 70mila euro per i concorsi di progettazione, nonché a garantire il necessario supporto tecnico-giuridico ai Comuni per la predisposizione del bando di concorso, che dovrà essere approvato entro 20 giorni dalla sigla dell'accordo.

Le Amministrazioni comunali, dal canto loro, si obbligano a procedere alla redazione del progetto di fattibilità tecnico-economica del Polo dell’infanzia innovativo proposto in risposta all’avviso pubblico regionale attraverso l’espletamento di un concorso di progettazione, impegnandosi inoltre, pena la decadenza dal contributo, a bandire sotto la propria responsabilità il Concorso di progettazione e concludere le procedure relative entro e non oltre 6 mesi dalla firma del protocollo.

In particolare, al fine di approfondire le tematiche della progettazione di strutture educative e di istruzione da zero a sei anni, il Comune di Bari si impegna a organizzare un incontro di presentazione dei bandi di concorso entro 15 giorni dalla predisposizione del bando Tipo da parte della Regione Puglia.

Siamo grati alla Regione Puglia per il supporto che ci offre - commenta l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano - e che ci consentirà di finanziare il concorso di progettazione per la realizzazione del Polo dell'infanzia che sorgerà a Carbonara, per il quale il Comune di Bari si è già visto assegnare 3milioni 100mila euro. Nei pressi dell'ospedale Di Venere sorgerà un plesso interamente dedicato all'educazione dei bambini e delle bambine tra 0 e 6 anni: tre edifici - da adibire a nido, scuola materna e spazi per attività laboratoriali - dove sperimentare un approccio innovativo per la didattica, secondo modelli educativi non rigidamente pre-definiti ma organizzati in base alle effettive esigenze dei bambini. In questi anni abbiamo lavorato sodo per aumentare l’offerta di servizi rivolti alla prima infanzia e siamo riusciti ad aprire 4 nuovi asili. Grazie alla sigla del protocollo odierno e alle risorse assegnate dalla legge istitutiva del sistema 0-6, riusciremo ad aprire un ulteriore nido, integrato con una scuola materna. Dopo il primo nido Montessori, i 39mila abitanti del Municipio IV potranno contare su un altro nido e, al tempo stesso, potremo dismettere i locali in fitto della scuola materna Madre Teresa di Calcutta, creando così un unico polo dell’infanzia”.

Lascia il tuo commento
commenti