Dopo la mobilitazione del 12 ottobre e del 16 novembre

Scuola, la lotta paga: dalla Regione impegno ad accogliere tutte le proposte degli studenti

Iniziato - promette Emiliano - il percorso che porterà prima alla definizione di una delibera di giunta e poi all'attuazione di misure condivise con gli studenti, contenute nella piattaforma “Dagli studenti la Puglia rinasce”

Attualità
Bari mercoledì 21 novembre 2018
di La Redazione
Le immagini dell'incontro degli studenti con Emiliano
Le immagini dell'incontro degli studenti con Emiliano © Unione degli Studenti

Dopo la mobilitazione di migliaia di studenti in tutte le province pugliesi, scesi in piazza tra il 12 ottobre e il 16 novembre, si è tenuto ieri pomeriggio nella presidenza della Regione Puglia un incontro tra il presidente Michele Emiliano, l’assessore all’istruzione, Sebastiano Leo e il direttore generale Adisu Gavino Nuzzo. Le proposte esposte, contenute nella piattaforma “Dagli studenti la Puglia rinasce” sono il frutto di un percorso partecipato dal nome “Officine dei Saperi”, articolatosi in momenti di discussione pubblica dentro scuole e università sulle problematiche e i bisogni degli studenti.

Tutte le proposte sono state accolte dai componenti del tavolo. Nei prossimi giorni si elaboreranno con un dialogo aperto e condiviso, includendo gli organi competenti, l’Ufficio scolastico regionale e le consulte provinciali studentesche, le modalità tecniche, le forme e le procedure corrette per tradurre in atto quanto promesso.

«Abbiamo avuto un incontro costruttivo e molto approfondito sulle proposte presentate dai rappresentanti degli studenti - dichiara il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano - inizia il percorso, che ovviamente sarà aperto e inclusivo, che porterà prima alla definizione di una delibera di giunta e poi all’attuazione di misure condivise. Lo strumento della Legge regionale sulla partecipazione e a disposizione delle associazioni studentesche per dare spazio e forza alle loro idee».

L’Assessore all’istruzione Sebastiano Leo dichiara: «Iniziamo la scrittura condivisa della delibera proposta dagli studenti pugliesi che mira a offrire un supporto ai nostri giovani nel loro percorso di studi scolastici e universitari».

«Sono anni - dichiarano Sara Acquaviva e Davide Lavermicocca della Rete della Conoscenza Puglia e dell’Unione degli Studenti Puglia - che riceviamo solo promesse, ora pretendiamo fatti concreti: chiediamo subito delibere in merito alla carta di cittadinanza per i soggetti in formazione e sulle misure per il diritto allo studio scolastico, dai diritti dei soggetti in alternanza scuola lavoro, al comodato d’uso gratuito sui libri di testo, entro il 15 dicembre 2018. Questi provvedimenti devono assolutamente rientrare nelle previsioni del bilancio ordinario in approvazione entro l’anno. La lotta paga, ora i conti li fanno con noi studenti.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 21 novembre 2018 alle 13:38 :

    Dunque porte aperte a tutti gli studenti anti Salvini e anti Governo? Rispondi a Franco

  • Antonio Costanzo ha scritto il 21 novembre 2018 alle 08:14 :

    Buongiorno,mi chiamo Antonio faccio un corso serale al istituito scuola, ITIS"MARCONI /BARI ieri alla lezione di informatica ci anno anche consegnato,una penna drive per caricare i contenuti,e una cartella porta quaderni,grazie alla Regione Puglia,per i fondi per le scuole,tutto Gratuito. Rispondi a Antonio Costanzo