Il ricordo

Strage via Niccolò dell’Arca: Decaro alla cerimonia commemorativa con le associazioni antifasciste

Cerimonia a piazza Umberto per ricordare le 20 persone che persero la vita e le 50 che rimasero ferite in un corteo antifascista pacifico organizzato per accogliere gli antifascisti in uscita dal carcere dopo la caduta del regime

Attualità
Bari mercoledì 28 luglio 2021
di La Redazione
78° anniversario della strage di via Niccolò dell’Arca: Decaro alla cerimonia commemorativa
78° anniversario della strage di via Niccolò dell’Arca: Decaro alla cerimonia commemorativa © n.c.

In occasione del 78° anniversario della strage di via Niccolò dell’Arca, durante la quale persero la vita 20 persone, e altre 50 rimasero ferite, in un corteo pacifico organizzato per accogliere gli antifascisti in uscita dal carcere dopo la caduta del regime, nel pomeriggio il sindaco Antonio Decaro ha partecipato alla cerimonia commemorativa organizzata in piazza Umberto, presso il monumento che ricorda le vittime, dal Comune, dall’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia), dall’Ipsaic (Istituto pugliese per la storia dell’antifascismo e dell’Italia contemporanea), dall’Anppia (Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti), dalla Cgil Camera del Lavoro metropolitana, dall’Arci di Bari e dal Coordinamento regionale Antifascista. 

“Essere qui, oggi, per onorare le vittime che nella strage di via Niccolò dell’Arca persero la vita mentre celebravano la libertà dalla dittatura nazifascista, è in fondo la conquista di una nostra libertà - ha dichiarato il sindaco Decaro -. In questi mesi, infatti, abbiamo dovuto rinunciare a cerimonie come queste e inventare nuove formule per ricordare la storia della nostra città e dei suoi cittadini. Sono stato da solo su un balcone, davanti a una corona di fiori e davanti alle lapidi che ricordano gli eroi del nostro Paese, e mai come in quei momenti ho capito che la memoria è propria di una dimensione collettiva, si nutre dei pensieri e delle riflessioni di tanti, cresce se stiamo insieme, si alimenta della presenza e della costanza di tante persone che, appunto, condividono un ricordo, un valore e una storia. E con la memoria e la nostra presenza che rendiamo la storia attualità, ricordando quei giovani baresi che il 28 luglio del ‘43 attraversavano le strade della nostra città per festeggiare la libertà di tutti, e ripercorrere le tappe di quell’evento ci impegna nella difesa della nostra libertà, oggi e sempre. Ce lo ricordano queste pietre d’inciampo, quasi ad indicarci la presenza fisica di quei giovani baresi ammazzati mentre andavano incontro alla libertà. 

L’anno scorso avevo promesso che, una volta definito il contenzioso con i progettisti, quest’angolo avrebbe rivestito un ruolo importante nella nuova piazza Umberto. Quindi il bozzetto relativo a questo pezzo della piazza sarà condiviso con l’Anpi e le associazioni che ogni anno celebrano questa ricorrenza assieme al Comune. Perché per tutti noi queste pietre d’inciampo sono un simbolo troppo importante, che ci ricorda chi siamo e quale percorso abbiamo deciso di intraprendere grazie al sacrificio di quei giovani baresi. 

Qui, dove loro hanno perso la vita, torneremo ogni anno, affinché Bari non dimentichi mai la propria storia”.

Questa mattina, invece, l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano è intervenuta durante la deposizione delle corone d’alloro presso il toponimo di Via Caduti 28 luglio e il monumento in memoria dei caduti del 28 luglio nel cimitero monumentale di Bari.

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 28 luglio 2021 alle 21:29 :

    Hanno dimenticato di dirci da chi furono sparati. Una gravissima omissione. Rispondi a Franco

    Maria P. ha scritto il 29 luglio 2021 alle 11:01 :

    Tutti sanno che fu l'Esercito in funzione di Ordine pubblico a sparare dalle finestre. Se rimuovono questo "particolare", non si capisce perché, non fanno storia ma altro. Rispondi a Maria P.