La festa

Covid: anche quest'anno celebrazioni 'blindate' per San Nicola a Bari

In Basilica limite 130 fedeli e divieto di transito nelle piazze

Attualità
Bari sabato 08 maggio 2021
di La Redazione
Decaro all'interno della basilica nel giorno di San Nicola
Decaro all'interno della basilica nel giorno di San Nicola © n.c.

"Sindaco, porta la carezza di San Nicola alla nostra città".

Così padre Giovanni Distante, rettore della Basilica di San Nicola, ha concluso la messa in onore del santo patrono di Bari, che per il secondo anno consecutivo si celebra con modalità limitate, nel rispetto delle norme Covid.

Nel 2020, in lockdown, la chiesa era chiusa ai fedeli e parteciparono alla tradizionale messa delle 5.30 solo i sacerdoti e il sindaco.

Quest'anno l'accesso era consentito, con distanziamento, ad un massimo di 130 fedeli e, infatti, la Basilica era piena per metà.

La messa è stata comunque trasmessa in diretta streaming, ma sono annullati tutti gli altri riti della festa patronale, a partire dal corteo storico che avrebbe dovuto sfilare ieri sera e che è stato sostituito da una rappresentazione teatrale nel piazzale della Basilicata, chiusa al pubblico e trasmessa in diretta tv.

Anche la celebrazione eucaristica di questo pomeriggio, alle 18, con l'arcivescovo Giuseppe Satriano, seguirà le stesse regole, mentre nella città vecchia fino a domani sono in vigore stringenti restrizioni di divieto di transito veicolare e pedonale nelle principali piazze e anche sul lungomare. 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Franco ha scritto il 09 maggio 2021 alle 19:48 :

    Se dici che il limite è 130 persone e non puoi diciamo "prenotare" prima è ovvio che i fedeli siano disincentivati, perché non hanno certezza di poter accedere se si recano in Basilica. Non sistema non ha funzionato per niente, come era ampiamente prevedibile. Rispondi a Franco

  • Marco ha scritto il 09 maggio 2021 alle 18:22 :

    Non si è ancora capito bene se le blindature hanno una utilità, a livello epidemiologico, di certo hanno già fatto danni enormi a livello di partecipazione dei fedeli. Rispondi a Marco

  • Maria P. ha scritto il 09 maggio 2021 alle 12:37 :

    Celebrazioni blindate, pure male. La sera di giivedi 6 maggio i vigili in servizio all'arco San Nicola sul lungomare hanno impedito l'accesso alle auto nel cortile della Basilica a coloro che dovevano partecipare alla Messa delle 19.30. A loro dire il cortile era pieno. Inutile dire che non lo era affatto e che non c'era nessun coordinamento con la vigilanza nel cortile. Tutto a danno dei cittadini costretti a tornare indietro. Rispondi a Maria P.

  • Franco ha scritto il 09 maggio 2021 alle 12:30 :

    Decaro ha fissato un massimo di 130 persone per le Messe in onore di San Nicola ma contemporaneamente ha imposto tanti di quei divieti intorno alla Basilica e diffuso tanta paura che ieri alla tradizionale supplica alla Madonna di Pompei delle ore 12, generalmente affollata, la chiesa era occupata a metà anche di quei 130. Una riflessione il Vescovo e i domenicani devono farla. Rispondi a Franco

  • Franco ha scritto il 08 maggio 2021 alle 16:55 :

    Però a quanto si vede dai filmati sul web si può liberamente far visita devozionale al Vaccino, in zona Fiera del Levante. Lì non vige nessun divieto di assembramento. E quindi viene spontaneo il sospetto che si voglia cancellare ogni forma di religiosità popolare, in cambio ci danno uno spettacolino streaming. Rispondi a Franco