Chiusi i termini

Waterfront di San Girolamo: 11 proposte per la concessione dei due locali sulla piastra

Gli uffici stanno procedendo al controllo della legittimità delle offerte per poi avviare l’iter di verifica amministrativa delle offerte, affidato a una commissione

Attualità
Bari venerdì 16 aprile 2021
di La Redazione
Waterfront San Girolamo, i locali della piastra
Waterfront San Girolamo, i locali della piastra © n.c.

Sono scaduti questa mattina i termini per la presentazione di offerte per il rilascio della concessione con finalità turistico-ricreativa relativa ai due locali demaniali marittimi ubicati alle estremità della struttura presente sul waterfront di San Girolamo (link struttura lato sx) (link struttura lato dx).

La concessione riguarda sia la porzione di immobile situata all’estremità del lato destro fronte mare - di 362,06 metri quadri - sia la struttura situata all’estremità del lato sinistro fronte mare - di 507,06 metri quadri - per un periodo di 12 anni decorrenti dalla data di rilascio e permetterà ai titolari di avviare attività di bar e/o ristorazione.

In totale sono 11 le proposte pervenute alla ripartizione Sviluppo economico, di cui 6 relative al locale sito sul versante destro e 5 a quello sul lato sinistro.

In queste ore gli uffici stanno procedendo al controllo della legittimità delle offerte per poi avviare l’iter di verifica amministrativa delle offerte, affidato a una commissione.

Il vincitore sarà tenuto a prendere in consegna la struttura oggetto di concessione con tutti i beni ivi installati e a custodirla. Il bene dovrà essere utilizzato in conformità alla sua destinazione e funzione, nonché curato, anche attraverso interventi di manutenzione straordinaria a cura e spese del concessionario, in caso di deperimento e/o rottura, e restituito al termine della concessione integro e con le migliorie e gli adeguamenti eventualmente apportati dal concessionario, salvo diversa valutazione dell’amministrazione.

In un momento complicato come questo, in cui la disperazione e la paura di tanti piccoli imprenditori costretti alla chiusura forzata sono un assillo quotidiano per noi, la partecipazione di queste realtà economiche alla nuova sfida lanciata non può che essere per tutti un segnale di speranza - commenta l’assessora allo Sviluppo economico Carla Palone -. Ci speravamo molto, perché su quel tratto di costa l’amministrazione ha investito risorse e impegno, pur sapendo che il periodo per proporre un investimento di tale portata non è dei migliori. Per questo sento di dover ringraziare ciascuna delle imprese che ha voluto intraprendere questa sfida e partecipare all’avviso. Indipendentemente dall’esito delle procedure e dalle verifiche, credo che oggi possiamo cominciare a guardare al futuro consapevoli che si tratta della prima di una serie di azioni che proporremo alla città e agli imprenditori da qui ai prossimi mesi”.

Lascia il tuo commento
commenti