Terminata audizione MiBACT:

Bari candidata Capitale italiana della Cultura 2022: il video di Alessandro Piva

L’audizione con la commissione designata dal MiBACT è stata introdotta da un video realizzato per l’occasione dal regista Alessandro Piva per raccontare la nostra città

Attualità
Bari giovedì 14 gennaio 2021
di La Redazione
Bari Capitale della Cultura 2022, il video di Alessandsro Piva
Bari Capitale della Cultura 2022, il video di Alessandsro Piva © n.c.

È terminata da pochi minuti l’audizione pubblica online nel corso della quale la delegazione del Comune di Bari -  composta dal sindaco Antonio Decaro, dall’assessora alle Culture e Turismo Ines Pierucci, dal dirigente di staff Vitandrea Marzano, dallo scrittore e manager culturale Nicola Lagioia e dal sovrintendente della fondazione Petruzzelli Massimo Biscardi (questi ultimi componenti del comitato scientifico) - ha presentato il dossier di candidatura di Bari a Capitale italiana della Cultura per il 2022.

L’audizione con la commissione designata dal MiBACT è stata introdotta da un video realizzato per l’occasione dal regista Alessandro Piva per raccontare la nostra città attraverso una carrellata di volti con scorci del paesaggio urbano a fare da sfondo e una suggestione finale, “capitale umana”, a sottolineare il valore di una comunità molteplice e coesa.

 

«Se un giorno - commenta il sindaco Decaro su Facebook - mi chiedessero qual è la cosa che ho amato di più dell’essere sindaco della mia città, tra le tante direi conoscere e riconoscere i volti e le storie dei baresi.

Questo è il cuore del messaggio raccontato in questo video, con la regia di Alessandro Piva , che stamattina abbiamo presentato durante l’audizione con la commissione che sceglierà la capitale Italiana della cultura 2022 tra le 10 città finaliste.

Perché Bari per noi è questo: i suoi volti, le sue storie, le sue bellezze, i racconti delle persone e degli operatori che ogni giorno sono e fanno la cultura a Bari, ognuno con la propria esperienza, i suoi valori e la sua identità. Il teatro, la danza, la musica, la letteratura, la fede, le tradizioni, l’arte in tutte le sue forme e le mani che portano avanti tradizioni millenarie che parlano di quello che siamo.

Abbiamo voluto quindi raccontare Bari attraverso i suoi volti, prima che attraverso le sue strade. Certo, non ci sono tutti, ci vorrebbe un film lunghissimo per poter racchiudere TUTTI gli occhi che ogni giorno rendono la nostra città speciale, ma non è detto che, se affronteremo questa sfida, non si possa fare.

Bari oggi non sarebbe quello che è senza questo esercito pacifico e silenzioso di donne e uomini che con le loro imprese quotidiane credono nel sogno di una città capitale della cultura italiana nel 2022 e capitale umana ogni giorno.

Lunedì sapremo se avremo una nuova avventura da vivere tutti insieme, intanto in bocca al lupo a tutte le città finaliste e incrociamo le dita».

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Marco ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 18:52 :

    Il filmino di Piva dimostra che gli "acculturati" a Bari sono pochi e sempre gli stessi. Rispondi a Marco

  • Franco ha scritto il 14 gennaio 2021 alle 18:50 :

    Per quanto sforzi si facciano in questi giorni mi riesce difficile credere a Bari Capitale della cultura. Basterebbe girare un po' per strada o contare i libri venduti in città per essere poco fiduciosi. Rispondi a Franco

Le più commentate
Le più lette